Alimenti sostenibili, latte di mandorle sotto accusa: ha un alto impatto ambientale

Per produrne un litro ce ne vogliono oltre 6mila di acqua. La bevanda in voga per le proprietà nutritive e l’origine 100% vegetale non sarebbe abbastanza "green"

La raccolta delle mandorle - foto Ansa

Il latte di mandorla finisce sotto la lente d’ingrandimento degli ambientalisti per via del consumo di acqua necessario per produrlo. Mentre un litro di latte prodotto dalle mucche necessita di un consumo d’acqua inferiore ai 300 litri, le risorse idriche necessarie a ottenere un litro di latte di mandorle sarebbero pari a 6.100 litri. È quanto rivela uno studio dello statunitense Institute of the Environment and Sustainability, che paragona l’impatto ambientale della bevanda con quella del latte “standard” di origine animale.

Consumatori più attenti

Il latte prodotto dagli animali ha perso da tempo quote di mercato a vantaggio dei sostituti di origine vegetale, che si sono accaparrati il 12% delle vendite globali di latte. Oltre alla diffusione di stili di vita che limitano o escludono il consumo di cibi e bevande di origine animale, il successo del latte vegetale è attribuibile a una maggiore attenzione dei consumatori, sempre più inclini all’acquisto di prodotti sostenibili, con un limitato impatto ambientale.

Acqua o gas serra?

In quest’ottica, il latte di mucca viene spesso additato per i gas serra prodotti dalle emissioni degli allevamenti, che sono pari a 1,67 kg di Co2 per ogni litro imbottigliato. La produzione di latte di mandorle comporta emissioni molto inferiori, pari a 0,35 kg di Co2 per ogni litro di bevanda. Limitandosi alla differenza tra le emissioni, si può dire che il latte di mandorle sia più “green” del latte animale. L’enorme differenza in tema di consumi di acqua pone dunque il consumatore attento all’ambiente di fronte a una scelta difficile: è meglio (o meno peggio) comprare un prodotto che contribuisce di più al riscaldamento climatico o un altro che comporta un enorme utilizzo di acqua? Lo studio, citato ultimamente da molti critici del latte di mandorle, si conclude con lo stesso interrogativo e con la conclusione che non sempre il consumismo “verde” significa fare scelte eco-compatibili.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Ci sono anche persone che rubano mc di acqua manipolando contatori, ci sono spa che rubano soldi manipolando i dati dei consumi di acqua ecc c'è un po di tutto e per tutti i gusti.

  • 6000 litri d'acqua per produrre 1 litro di latte di mandorla (non è che si stia un po' esagerando...) ...ma diamolo per buono, e poi, che fine fanno questi 6000 litri d'acqua? Spariscono? Non sono facili da stoccare o trasformare visto il volume pari a circa 7/8 bancałi pieni zeppi di bottiglie di acqua...e in ogni caso non può essere una scusa per continuare a sfruttare gli animali che sono esseri viventi consenzienti che oltre al consumo d'acqua emettono escrementi in enormi quantità, piccolo particolare omesso...

    • Ciao Marco per quanto riguarda il consumo del acqua, loro fanno il calcolo del totale ciclo produttivo della pianta, tra il consumo di acqua nei mandorleti fino alla lavorazione nelle industrie il consumo totale è di 6100 litri ora magari non lo sai ma tutti i frutteti irrigui anno un consumo di acqua annuale da 4000 fino ai 10000 metri cubi di acqua. come puoi capire si deve sempre calcolare il ciclo completo di produzione per dichiarare il costo reale di un prodotto.ciao

      • Capisco, dunque, come ricordi giustamente, non è solo il mandorleto a necessitare di queste cospicue quantità d' acqua ma praticamente la maggior parte delle piante da frutto... Secondo l'articolo i mandorleti e conseguentemente i frutteti hanno un alto impatto ambientale... Meglio allora bere latte di origine animale (che in ogni caso, a differenza delle piante, oltre a necessitare d'acqua devono anche mangiare e producono escrementi in gran quantità ) rispetto a frutta e derivati...

  • Evidentemente non è prodotto negli USA e partner economici dell'UE, tra cui non figurano l'Italia e il Sud dell'UE. L'ONU e le sue istituzioni obbediscono.

Notizie di oggi

  • Le Storie

    Erba libera o quasi: in Italia è boom della canapa

  • Filiera

    Assaggiatori non vedenti per valutare la qualità delle mele

  • Filiera

    Riso, Tajani: dobbiamo essere solidali coi Paesi più poveri ma non fessi

  • Notizie

    Carne bovina, parte la campagna informativa per il consumo consapevole

I più letti della settimana

  • Pesca, riapre la Tonnara di Favignana

  • Erba libera o quasi: in Italia è boom della canapa

  • Hamburger vegano al posto di quello di carne? "Come togliere 12milioni di auto inquinanti dalla strada"

  • Figlio dottore? No, 8 italiani su 10 lo vorrebbero agricoltore

  • Agroalimentare, crescono i fondi Ue per la promozione dei prodotti all'estero

  • "Fondi Ue per l'agricoltura non spesi, l'Italia rischia di perdere 120 milioni"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento