Amazzonia: più 68% di deforestazione, libero scambio Ue-Mercosur a rischio 

Secondo i patti il Brasile deve rispettare gli obiettivi ambientali nel quadro dell'Accordo sul clima di Parigi

In Amazzonia la deforestazione non si arresta, anzi sta crescendo a livelli spaventosi. Il disboscamento è aumentato nella prima metà di luglio, superando abbondantemente la percentuale registrata nell'intero mese di luglio 2018. La cosa sta mettendo a rischio l'accordo commerciale siglato il mese scorso tra Ue e Mercosur, che obbliga il Brasile a raggiungere gli obiettivi ambientali nel quadro dell'Accordo sul clima di Parigi. L'Istituto nazionale di ricerche spaziali (Inpe) ha segnalato più di 1.000 chilometri di disboscamento tra il 1 luglio e il 15 luglio, un'area che supera del 68% quella persa durante il mese di luglio dell'anno scorso. Le informazioni preliminari di Inpe, ottenute attraverso immagini satellitari, mostrano che luglio 2019 è già il mese con la maggior superficie disboscata rispetto a qualsiasi mese da agosto 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento