Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

La commissione Ambiente dell'Eurocamera chiede a Bruxelles impegni più concreti per proteggere le api e la salute umana dall'uso di prodotti fitosanitari, in particolare in agricoltura

Una ulteriore riduzione dell'uso di pesticidi, più fondi per la ricerca e un migliore monitoraggio da parte degli Stati membri. Sono queste le richieste avanzate dalla commissione Ambiente del Parlamento europeo per contrastare la moria di api e in generale degli impollinatori causata dall'uso di fitofarmaci. 

Gli eurodeputati propongono alla Commissione Ue di utilizzare il tasso di riduzione dell'uso di pesticidi come "indicatore comune" per valutare l'efficacia delle misure nazionali nella protezione delle api e di altri impollinatori. Per contribuire a ridurre ulteriormente i residui di pesticidi negli habitat delle api, i deputati chiedono che la loro riduzione diventi una parte fondamentale della futura Politica agricola comune (Pac). Nella sua risoluzione, l'Eurocamera chiede infine maggiori fondi per sostenere la ricerca sulle cause del declino delle api e per proteggere la diversità delle specie di impollinatori.

"Api, farfalle, falene e silfidi sono tra gli esseri viventi più importanti del nostro Pianeta e da esse dipende la riproduzione delle piante, la protezione delle biodiversità e l’agricoltura - dice l'eurodeputata Eleonora Evi del Movimento 5 stelle - Ben il 76% delle colture europee dipende dall’impollinazione, per un valore di quasi 15 miliardi di euro di produzione agricola dell’Ue. Ecco perché bisogna fare il massimo per proteggere questo settore”, aggiunge. 

“L’uso di pesticidi - prosegue Evi - rappresenta un rischio diretto per la loro sopravvivenza, oltre agli effetti letali, causa perdita dell'orientamento, della memoria olfattiva e l'insorgenza di malformazioni. La nuova Commissione europea non deve mettere la testa sotto la sabbia e adesso si trova a un bivio, se continuare a supportare tecniche agricole non sostenibili e distruttive o invece iniziare a guardare a nuovi modelli più sostenibili e in difesa della biodiversità. L’uso dei pesticidi va disincentivato”, conclude Evi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Coldiretti lancia l'Sos presepe: dalle stalle spariti 2 milioni di animali

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Semaforo rosso al nutri-score francese, arriva la ‘batteria’ in etichetta che piace al made in Italy

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • Riutilizzo delle acque di scarico per l’irrigazione, arriva il via libera da Bruxelles

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento