Il 30% dei terreni coltivati nell'Ue sarà biologico

E' questo l'obiettivo contenuto in una bozza della strategia per l'agricoltura europea che sarà presentata a marzo. Previsti 20 miliardi in più l'anno per le azioni di ripristino degli ecosistemi e il taglio del 50% dei pesticidi

La rivoluzione ecologica lanciata dal Green deal della Commissione europea riguarderà anche il settore dell'agricoltura. E tra gli obiettivi principali c'è l'aumento dei terreni in cui si utilizza il metodo biologico. Secondo una bozza del Piano per la biodiversità che dovrebbe essere presentato a marzo, il target fissato da Bruxelles potrebbe essere il 30% del totale della superficie coltivata.

La bozza, visionata dall'Ansa, prevede anche altri target. Tra questi, la creazione di nuove aree protette per arrivare a una quota del 30% della superficie terrestre e altrettanto per quella marina; la messa a riposo del 10% dei terreni agricoli, taglio del 50% nell'uso dei pesticidi; una legislazione vincolante Ue e un obiettivo di mobilitazione di 20 miliardi in più l'anno per le azioni di ripristino degli ecosistemi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I numeri - spiega l'Ansa - potrebbero ancora cambiare, soprattutto quelli su biologico e pesticidi, riportati tra parentesi quadre nel documento. L'obiettivo del 30% delle superfici protette, molto ambizioso per le aree marine, dovrebbe essere invece confermato perché è il target su cui si lavora a livello globale per la Conferenza per la biodiversità che si terrà in Cina nell'ottobre 2020". Nel documento si fa riferimento anche alla necessità di compensazioni affinché gli agricoltori tolgano dalla produzione alcuni terreni, una stretta sulle specie aliene invasive e a una riserva da 10 miliardi di euro in InvestEU per finanziare progetti per la biodiversità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • Coronavirus, ora il grano vale più del petrolio

  • Braccianti stranieri, Lega contro il Pd. Ma l’ultimo decreto flussi l’ha firmato Salvini

  • "Porte aperte a 80mila migranti", la Germania sblocca l'impasse Ue sugli stagionali

  • L'emergenza coronavirus colpisce duro gli italiani: 2,7 milioni a rischio fame

  • Covid-19 'colpisce' anche uova e colombe pasquali, crollo dei ricavi delle aziende dolciarie

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento