Cappato mangia riso geneticamente modificato, fermato dalla polizia a Bruxelles

Il radicale stava mettendo in atto un'azione simbolica di fronte al Parlamento europeo per promuovere la tecnica di manipolazione genetica Crispr

Le autorità belghe hanno fermato gli attivisti Marco Cappato e Marco Perduca dopo che avevano mangiato, davanti alla sede del Parlamento europeo a Bruxelles, del riso geneticamente editato con la tecnica Crispr, che consente la correzione mirata di una particolare sequenza di Dna. Lo rende noto un comunicato dell'associazione Luca Coscioni che, assieme alla piattaforma internazionale Science for Democracy, ha organizzato una “merenda Crisprs” a Place du Luxembourg con l'obiettivo di promuovere la conoscenza delle nuove tecniche di coltura e quelli che ritiene essere i loro effetti benefici sull'agricoltura col messaggio "Give CRISPR a chance!"

Dopo l'assaggio del rice pudding, (una specie di ''Pappa'' di Riso e latte) le autorità belghe hanno confiscato il riso, e hanno identificato Cappato e Perduca, coordinatori di Science for Democracy. convocandoli il mese prossimo per giustificare le proprie azioni e spiegare la provenienza del riso. Fra i partecipanti, riferisce il comunicato, anche giovani ricercatori e la genetista italiana Vittoria Brambilla. Oltre a mangiare prodotti geneticamente editati, i partecipanti hanno informato i presenti sulle nuove breeding techniques sviluppate in Europa, i loro effetti benefici sull'agricoltura e le criticità legali in Europa. Erano presenti circa 200 persone.

Il 25 luglio del 2018 la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito che le piante ottenute con tecniche di coltura di precisione, come quelle prodotte con le tecniche Crispr, sono classificate come Ogm e soggette alle leggi derivate dalla Direttiva europea del 2001 sugli organismi geneticamente modificati. I partecipanti credono che la sentenza della Corte sia incoerente con la realtà dei fatti, considerato che piante ottenute con tecniche meno precise non sono classificate e regolate come gli Ogm.

Secondo il comunicato, "Crispr è una tecnologia sempre più accurata che può essere usata per la coltura di precisione delle piante. È più veloce, relativamente semplice e versatile rispetto alle precedenti breeding techniques. È inoltre considerevolmente meno cara. C'è un serio rischio che l'innovazione agricola europea venga ostacolata strutturalmente tanto dalla sentenza della Corte quando dall'apparente mancanza di interesse da parte dei decisori politici".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio, la Spagna accusa l'Italia: "Prezzi troppo alti". E chiede intervento Ue

  • Xylella, la peste degli ulivi raggiunge la Francia meridionale

  • "No a tagli ai fondi Ue per l'agricoltura", 14 Regioni lanciano manifesto sulla Pac

  • "La pesca 'cancellata' dalla Commissione Ue", la Lega contro von der Leyen

  • "La 'carne' vegetariana è troppo salata, si rischia l'ipertensione"

  • Pane e cereali, in Italia costano il 18% in più della media Ue

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento