"Dal riso al mais, i prezzi salgono per colpa del clima"

Il dato contenuto in un report della prestigiosa rivista scientifica The Lancet. Dai cambiamenti climatici rischi anche per la sicurezza alimentare

Se i prezzi di alcuni alimenti base continuano a salire di anno in anno, la causa va cercata anche nei cambiamenti climatici. Ad affermarlo è lo studio 'The Lancet Countdown 2019' realizzato da 120 esperti di 35 istituzioni accademiche di rilievo internazionale e agenzie delle Nazioni Unite di tutti i continenti, riuniti dall'omonima e prestigiosa rivista scientifica The Lancet.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli effetti del clima sui prezzi, spiegano gli esperti, sono dovuti al calo della resa dei raccolti. ''Guardando alla produzione agricola italiana, il potenziale di resa di tutte le colture alimentaru di base che stiamo monitorando si è ridotto dagli anni '60: per il mais la riduzione è stata del 10,2%, per il grano invernale e primaverile rispettivamente del 5 e del 6%, per la soia del 7% e per il riso del 5%'', dice Marina Romanello dell'University College di Londra (Ucl), tra gli autori del rapporto. Anche la sicurezza alimentare è danneggiata dai cambiamenti climatici, spiego lo studio. Ei bambini sono quelli più esposti - a livello globale - agli effetti sulla salute della malnutrizione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Coronavirus, basta file inutili e pericolose davanti ai supermercati”

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • Coronavirus, Ue crea le 'corsie verdi' e agricoltori italiani esultano: "Salvi 4 miliardi"

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

  • Coronavirus, allarmi infondati sugli animali: “Stop agli abbandoni”

  • Non solo coronavirus, ora il gelo primaverile mette a rischio pesche e kiwi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento