Dieta "universale" a base di frutta e verdura. "Così eviteremo 11milioni di morti l'anno"

Uno studio ribadisce: il consumo di carni rosse dannoso per l'ambiente e la salute. E propone di cambiare abitudini alimentari. Per salvare il Pianeta

Meno carni rosse, più frutta e verdura. La stessa ricetta che sentiamo ripetere da anni per vivere meglio si adatta anche ad un'altra grande sfida per l’umanità, quella di preservare il pianeta che ci ospita. È quanto afferma uno studio della City University di Londra, ripreso dalla Commissione Eat-Lancet. Lo studio, pubblicato per intero sulla rivista scientifica The Lancet, porta avanti una dieta definita “universale”, in quanto utile sia alla salute che all’ambiente. 

“Il cibo che consumiamo”, ha spiegato il professore Tim Lang, “e il modo in cui viene prodotto determina lo stato di salute delle persone e del pianeta, e lo stiamo attualmente gestendo nel modo sbagliato”. Lang, che insegna politica alimentare alla City University, sostiene che l’umanità debba “trasformare radicalmente il sistema alimentare mondiale in un modo mai fatto prima adattandolo al contempo ai contesti dei diversi Paesi”.

Per fare ciò, gli autori consigliano una dieta composta da una grande varietà di alimenti d'origine vegetale e da una più bassa quantità di alimenti di origine animale, farine raffinate, cibi altamente trasformati, zuccheri aggiunti, e con grassi insaturi anziché saturi.

“Il modello scientifico che abbiamo messo a punto - insiste Lang - per una dieta sana e ecosostenibile costituisce le fondamenta che sosterranno e guideranno il cambiamento.” Lo studio pubblicato su The Lancet sottolinea quanto già ribadito in più occasioni, ovvero che le cattive abitudini alimentari sono ormai fra le principali cause di morte per malattia. Gli autori sottolineano che seguire questo nuovo modello alimentare consentirebbe di evitare 11 milioni di morti premature ogni anno. Cambiare il nostro sistema alimentare globale risulta ancora più necessario se si pensa a quei 3 miliardi di individui malnutriti, includendo denutrizione e sovralimentazione come due facce della stessa medaglia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Il troppo fa sempre male in tutto ma l'emergenza direi che più della carne rossa sia dei carboidrati, è il diabete che sta dilagando e non le patologie da eccesso di proteine...

  • Non volendo il mio commento pare sia molto condiviso , l'ho scoperto scorrendo, da Mimmo:Ok.

  • E' di moda parlare per tutto di cambiamento. La farò breve. Può essere che cibarsi di carne rossa o bianca possa essere nel tempo lesivo, quindi divenire piano piano erbivori, ma mi viene da pensare che la produzione di questi elementi non dipenda oggi da un uso spregiudicato della chimica organica e non? per cui facciamo profonde indagini bio e qualcosa e traiamone le conseguenze. Alla prossima.

  • E vero,il consumo eccessivo di carni porta a malattie e altro,pertanto e bene consumare più verdura e frutta.E di tutti i veleni che vengono impiegati in agricoltura? ne vogliamo parlare.Se non si muore per il consumo di carni rosse si muore per tutti i veleni impiegati in maniera massiccia nelle colture.

  • Se l'UOMO, nel senso delle specie del genere Homo, è onnivoro e non erbivoro c'è un motivo. Chi c'è dietro alla politica del veganesimo assoluto? La risposta è ovvia.

Notizie di oggi

  • Ambiente&Clima

    "Biodiversità in calo, a rischio le forniture di cibo": l'allarme della Fao

  • Sviluppo

    Dall'Ue "assist" ai pastori sardi: alzato il tetto per gli aiuti di Stato in agricoltura

  • Innovazione

    Il cibo è di qualità? Il controllo si farà con un laser

  • Filiera

    "Salmonella nella carne congelata", Polonia di nuovo sotto accusa

I più letti della settimana

  • "Niente più insetti sulla Terra entro un secolo"

  • Cresce il business della “carne vegana". E gli Usa sfidano l'Ue

  • Al via il concorso AgriKids: per gli studenti premi da 3mila euro

  • "Biodiversità in calo, a rischio le forniture di cibo": l'allarme della Fao

  • Pesce spada, da Parlamento Ue ok a quote e apertura a piccoli pescatori

  • Pesca, ambientalisti contro Italia, Francia e Spagna: “Mediterraneo a rischio”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento