"I fiumi italiani rischiano l'invasione di pesci alieni", scienziati e ambientalisti contro il governo

Il Consiglio dei ministri ha dato l'ok alla modifica del regolamento sui limiti all'introduzione di specie ittiche 'straniere'. Coro di proteste: "A rischio la biodiversità"

Le decisione del governo di indebolire i limiti all'introduzione di specie ittiche aliene nelle acque italiana "potrebbe mettere a gravissimo rischio la biodiversità" di fiumi e laghi. E' quanto sostiene un vasto fronte di organizzazioni ambientalistiche e scientifiche nella lettera inviata al ministro dell'Ambiante Sergio Costa.

Il nuovo regolamento varato dal governo dispone che, in presenza di motivate ragioni di interesse pubblico, il ministero dell'Ambiente possa derogare al divieto di reintroduzione, introduzione e popolamento in natura di specie e popolazioni non autoctone nel territorio italiano, sulla base sia di studi che evidenzino l'assenza di effetti negativi sull'ambiente, sia di appositi criteri, che lo stesso ministero dovrà adottare entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del provvedimento.

Un provvedimento contro cui si sono espressi, tra i tanti, il Wwf e le organizzazioni scientifiche Cirf (Centro italiano per la riqualificazione fluviale), Aiiad (Associazione italiana ittiologi acque dolci) e Shi (Societas herpetologica italica). "Ci si chiede quali siano gli 'imperativi motivi di interesse pubblico' - si legge in una nota della Shi - Il provvedimento ignora la letteratura scientifica mondiale che indica le immissioni di ittiofauna alloctona (aliene, ndr) come una delle principali minacce, a livello globale, per gli ecosistemi acquatici e per molte specie minacciate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, secondo Shi, la misura rischia di aprire una "procedura di infrazione" da parte dell'Ue, poiché violerebbe la direttiva Habitat. "La nostra società scientifica - conclude la Shi - si appella al ministro dell'Ambiente perché tutto questo venga scongiurato, a tutela della fauna nel suo complesso e delle 41 specie di pesci autoctoni, 13 delle quali endemiche, tuttora presenti nelle acque interne italiane, di numerose specie di anfibi endemici, di innumerevoli specie di invertebrati e della conservazione della Natura italiana nel suo complesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento