I diritti degli animali alla fiera del consumo critico

Anche la Lav, lega antivivisezione, sarà presente a la manifestazione “Fa' La cosa Giusta” in programma a Milano dall'8 al 10 marzo

Foto da Fb Lav

I diritti degli animali arrivano in fiera. La Lav, lega antivivisezione, sarà presente per il secondo anno consecutivo a 'Fa' La cosa Giusta', la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, in programma in Milano dall'8 al 10 marzo. Al centro della partecipazione Lav, tanti temi e animali diversi, nel segno della sostenibilità.

''Diritti animali e sostenibilità, infatti, rappresentano un binomio inscindibile. Solo nel pieno rispetto di tutti gli esseri viventi e dell'ambiente che li ospita, è possibile il dispiegarsi della nostra missione: un mondo in cui ogni animale abbia libertà, dignità e vita'' commenta l'associazione, che annuncia la sua adesione al Global Strike For Future. In fiera con il quiz ''Fai la cosa giusta per gli animali?'', i visitatori potranno scoprire il proprio ''profilo animalista'', ma ci saranno anche esperienze in realtà virtuale con i visori 360°, per ritrovarsi al cuore delle attività dell'associazione: in un centro di recupero per animali salvati dai maltrattamenti, o dalla vivisezione, nel mare, insieme ai delfini liberi, o nello squallore di un allevamento intensivo.

Inoltre, nella mattinata di venerdì 9 marzo, le classi delle Scuole superiori milanesi visiteranno lo stand dell'associazione e incontreranno l'Area a Scuola con Lav, per giocare il quiz e parlare di che cosa significa rispettare gli animali, al di là degli stereotipi. Allo stand sarà inoltre possibile sostenere la una nuova campagna LAV ''Chi maltratta paga'', per fermare le violenze sugli animali: scegliendo le uova di Pasqua LAV, in cioccolato extrafondente e biologico di Altromercato, infatti, si potrà aiutare l'associazione ad accogliere e a curare gli animali vittime di maltrattamenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Non so perché sia venuta fuori una faccina sorridente al posto della parentesi...di certo non l'ho messa io.

    • Cara Gisella, condivido pienamente il Suo pensiero ed aggiungo che essendo l'Italia un paese a forte tendenza "Cristina Cattolica" si tende a credere nonché a giustificare tutto ciò che è affine alla religione o ad essa affine...... e su questo argomento potremmo parlare di infinite situazioni. Basta pensare alle famiglie che si sono mobilitate al fine di contrastare le coppie di fatto... vedi family day di qualche anno fa..... ma questo è un argomento troppo complesso e delicato da affrontare qui, e già immagino gli eventuali commenti. Ad ogni modo, gli animali HANNO UN CUORE e che se né voglia anche loro pensano e capiscono, detto questo voglio precisare che non sono vegetariano o altro, mangio anch'io la carne MA per necessità e non per tradizioni... vedi a breve Pasqua.... quanti inutili massacri ci saranno solo perché è "TRADIZIONE"... mangiate verdure grigliate, riso, hummus, tabulé, insalate e tanta altra roba anche più salutare. GUARDATELI NEGLI OCCHI PRIMA DI UCCIDERLI.

      • Approvo pienamente ciò che dice. Speriamo cambino le cose.

  • Perché la LAV non si mobilita contro la macellazione rituale? I diritti degli animali sono diritti su tutta la linea, non ci sono 'pratiche religiose' (direi piuttosto 'barbare';) che tengano. Molti paesi europei l'hanno già vietata, in Italia manca la pressione necessaria e sono proprio associazioni popolari come la LAV e altre che devono iniziare a scuotere le coscienze. Molti italiani non sanno che cosa comporta questo tipo di macellazione in termini di sofferenza per gli animali.

Notizie di oggi

  • Le Storie

    In Italia 2 bambini su 5 sono sovrappeso. La risposta Ue: frutta, verdura e latte nelle scuole

  • Ambiente&Clima

    "Con un software ridurremo del 7% i consumi d'acqua nei campi"

  • Filiera

    I prodotti tipici del made in Italy? Per il 92% sono custoditi dai piccoli Comuni"

  • Filiera

    Un italiano su due comprerebbe solo cibo bio

I più letti della settimana

  • "A Londra è corsa alle scorte di cibo italiano. Per paura della Brexit"

  • Le compagnie vogliono il bando del consumo di alcool del duty free sui voli

  • Agli animali 2,5 tonnellate di antibiotici ogni 10 minuti. Allarme per l'uomo

  • Insetti nel piatto? I maschi, giovani e di buona cultura i più propensi a mangiarli

  • “Carne di animali malati venduta nei supermarket”, scandalo in Olanda

  • L'agricoltura "beve" il 70% dell'acqua mondiale. Mentre 2 miliardi di persone sono a secco

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento