Confagricoltura all'Ue: non sottovalutare il problema dei grandi carnivori in Europa

L'organizzazione chiede di “rivedere le norme per permettere agli agricoltori di continuare a svolgere serenamente le proprie attività senza temere continui attacchi”

“Il problema dell’aumento della presenza dei grandi carnivori nei territori europei è rilevante e forse da troppo tempo sottovalutato”. Lo ribadisce Confagricoltura in occasione del Consiglio Agricoltura della Ue che oggi discute, tra l’altro, anche dell’impatto dei grandi carnivori in agricoltura. Una posizione, quella di Confagricoltura, condivisa con le Organizzazioni e le cooperative agricole europee riunite nel Copa-Cogeca.  

I lupi sono il problema più grande, visto che sono presenti anche in Croazia, Austria ed in Spagna dove, nella sola regione delle Asturie, l’anno scorso sono stati uccisi circa 4000 animali, mentre sono aumentati del 20% all’anno negli ultimi due anni in Francia, con spese per l’introduzione di misure di protezione da parte degli agricoltori pari a 23 milioni di euro all’anno. Ma non esistono solo i lupi. In Finlandia anche le linci e gli orsi attaccano gli allevamenti.   In Italia il problema non è da meno. Per questo Confagricoltura ha chiesto al ministero delle Politiche agricole la definizione di un piano nazionale di gestione dei lupi che tenga conto del fatto che la sostenibilità economica è legata a quella ambientale.  

Confagricoltura ricorda che la presenza degli allevatori è fondamentale per l’ambiente e la biodiversità, che significa anche tutela degli animali che sono in grave pericolo per i continui attacchi dei lupi. Se è vero, infatti, che la scomparsa dei lupi porterebbe ad un depauperamento ambientale e di biodiversità è altrettanto vero che la scomparsa della pastorizia porterebbe al medesimo risultato, a cui si aggiungerebbe quello economico subito dalle imprese.  

“L’Europa deve fare molto di più di quello che è stato fatto finora”, sostiene la confederazione, secondo cui Bruxelles deve “rivedere le proprie norme per permettere agli agricoltori di continuare a svolgere serenamente le proprie attività senza temere continui attacchi, che tra l’altro seminano paura e panico tra gli abitanti delle zone rurali. È necessario uno spostamento dei lupi dall’allegato IV all’allegato V della direttiva Habitat, che potrebbe migliorare la coesistenza tra l’attività zootecnica e i grandi carnivori”.   Confagricoltura evidenzia anche il grave problema della popolazione di cinghiali, che scendono a valle per scappare da una presenza sempre più massiccia di lupi, creando, anch’essi, gravi danni agli agricoltori.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olive verdi vendute per nere: il trucco che inganna i consumatori

  • L'Ue triplica l'import di carne Usa (senza ormoni)

  • Bambini sfruttati dietro il cibo che mangiamo. Anche in Italia

  • Falsi agricoltori nei terreni dell'Ilva, così sono scomparsi 80 milioni di fondi Ue

  • Sempre più surgelati nei piatti degli chef

  • L'ultima crociata di Trump: dazi sui vini europei

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento