Maltempo, Coldiretti: da eventi estremi 14 miliardi di danni negli ultimi 10 anni

Il bilancio causato da perdite della produzione agricola nazionale e danneggiamenti alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne

Rami spezzati, frutteti abbattuti, serre divelte, colture strappate dal terreno e magazzini scoperchiati sono i danni provocati dalla violenta ondata di maltempo che con raffiche di vento che hanno sferzato le campagne della Penisola. È il primo bilancio della Coldiretti sugli effetti della perturbazione che ha colpito l'Italia dopo un lungo periodo di siccità e caldo anomalo.

"Le precipitazioni - sottolinea la Coldiretti - erano attese come manna dagli agricoltori soprattutto al nord dove in molte zone non piove in modo significativo da mesi ed è caduta durante l'inverno il 50% di acqua in meno.Ma per essere di sollievo la pioggia deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente provocano danni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A preoccupare è anche l'arrivo atteso della grandine. Un andamento anomalo, quello del clima che conferma una tendenza alla tropicalizzazione che, stima la Coldiretti , "è costata all'agricoltura italiana oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un 'carico di virus' dalla Cina bloccato in Italia: "Sventati gravi rischi per le piante"

  • "Trasformiamo il vino in 'amuchina'", l'idea italiana contro il Covid

  • "Coronavirus, basta file inutili e pericolose davanti ai supermercati”

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

  • Non solo coronavirus, ora il gelo primaverile mette a rischio pesche e kiwi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento