L'Italia rischia di restare senza olive e doverle importare. Colpa del clima

L'allarme del mondo scientifico. Le associazioni di categoria avvertono: a rischio anche la qualità 'extravergine'

Come sono queste olive? Non sono italiane. Da aprile le Penisola potrebbe ritrovarsi letteralmente a secco del prodotto mediterraneo e simbolo del ‘made in’ tricolore. Complici gli eventi meteorologici estremi quali eccessivo caldo e freddo, l’Italia rischia seriamente una riduzione nella rendite degli olivi e di ricorrere all’import da altri Paesi.

L'allarme del mondo scientifico

A lanciare l’allarme Riccardo Valentini, direttore del Centro Euro-Mediterraneo per i cambiamenti climatici. “Vi sono chiari modelli di osservazione che indicano questi tipi di eventi meteorologici estremi come i principali motori della bassa produttività alimentare”. Nello specifico è il freddo ad allarmare. “Le temperature rigide nel Mediterraneo sono anomale per noi”. In ogni caso gli estremi sono importanti e, in effetti, sono previsti dagli scenari dei cambiamenti climatici”.

L’Italia è già alle prese con i problemi del settore olivicolo. Una minore rendita del 57% nella raccolta delle olive italiane - la peggiore degli ultimi 25 anni - ha scatenato le proteste di migliaia di agricoltori italiani, scese in piazza con gilet arancioni.

Il soccorso "africano"

Il rischio di meno olio dunque è all’orizzonte. Il problema è che l’Italia rischia di dover sopperire in modo costoso alla penuria di materia prima. La Commissione europea ha previsto che i raccolti di olive per la stagione 2018-19 scendano del 20% in Portogallo e del 42% in Grecia. Eventuali importazioni dunque dovrebbero interessare altri Paesi. Turchia, Marocco, Tunisia i principali produttori dell’area del Mediterraneo a cui guardare. Senza dimenticare la Spagna, che potrebbe produrre più dell’anno precedente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Problema risolto, dunque? Macché. “La vera questione non è la quantità, ma la qualità”, sottolinea Vasilis Pyrgiotis, presidente del Copa-Cogeca, il principale sindacato agricolo europeo. Sono determinate caratteristiche organolettiche a fare di un olio un prodotto ‘vergine’ o ‘extravergine’. C’è il rischio che l’extravergine non possa più essere tale. Un problema per tutti. Per chi produce e per chi importa, anche se costretto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Coronavirus, basta file inutili e pericolose davanti ai supermercati”

  • Un 'carico di virus' dalla Cina bloccato in Italia: "Sventati gravi rischi per le piante"

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • Coronavirus, Ue crea le 'corsie verdi' e agricoltori italiani esultano: "Salvi 4 miliardi"

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

  • "Trasformiamo il vino in 'amuchina'", l'idea italiana contro il Covid

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento