L'Onu approva una risoluzione contro la povertà nelle zone rurali

Iniziativa promossa da Pechino: “Gesto che ha un forte significato pratico”

ANSA/US/SIMONE FRATTINI

Per la prima volta le Nazioni Unite hanno adottato una risoluzione che ha come obiettivo quello di sradicare la povertà nelle zone Rurali dei Paesi in via di sviluppo. "Promuovere l'adozione da parte dell'Onu di questa risoluzione ha un forte significato pratico" ha detto Ma Zhaoxu, l'ambasciatore della Cina presso le Nazioni Unite, Paese che si è fatto promotore dell'iniziativa. La Cina, ha rivendicato il portavoce di Pechino “ha svolto un ruolo di primo piano nella riduzione della povertà, che ci siamo prefissati di eradicare entro il 2020, un obiettivo che ha ricevuto un feedback positivo da parte della comunità internazionale. La maggior parte degli stati membri delle Nazioni Unite riconoscono i risultati ottenuti dalla Cina e sono disposti a imparare dalla nostra esperienza in tema di lotta alla povertà, nonché a intensificare la cooperazione tra i paesi".

Dati delle Nazioni Unite dimostrano che l'80 per cento di chi vive sotto la soglia di povertà si concentra nelle zone rurali, e si occupa di agricoltura. L'applicazione di tale risoluzione si inquadra anche come un modo per realizzare gli Obiettivi di sviluppo dell'Agenda Onu 2030.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Ambiente&Clima

    "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • Ambiente&Clima

    Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • Filiera

    La crisi dell zucchero italiano, appello all'Ue: "Servono misure straordinarie"

  • Ambiente&Clima

    Pesticidi, Parlamento Ue: "Più trasparenza sulle autorizzazioni al commercio"

I più letti della settimana

  • Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • La pizza "italiana" vale 15 miliardi

  • Brexit senza accordo? "Pesanti conseguenze per agroalimentare italiano"

  • Il biologico sotto accusa: "Inquina ed è antieconomico". FederBio: "Tesi vecchie e già smentite"

  • Animalisti contro gli allevamenti delle quaglie: vivono nello spazio di uno smartphone

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento