Al Parlamento Ue anche la commissione Ambiente sarà responsabile delle politiche agricole

Finora la gestione delle misure per la Pac era appannaggio esclusivo dei membri della Agri. Un segnale dell'importanza della lotta ai cambiamenti climatici nella nuova politica di Bruxelles

La Politica agricole comune (Pac) non sarà più competenza esclusiva della commissione Agricoltura. D’ora in poi questa avrà “competenza condivisa” in materia con la commissione Ambiente. Lo hanno stabilito i presidenti del gruppi del Parlamento europeo, scatenando il dibattito. Se da una parte Organizzazione non governative (Ong) e associazioni ambientaliste ed ecologiste accolgono la novità con favore, dall’altra parte gli agricoltori stigmatizzano il cambiamento interno del Parlamento. E’ in particolare il Copa-Cogeca, l’insieme delle associazioni del settore, a sostenere che l’agricoltura e la gestione della Pac per il periodo successivo al 2020 debba restare materia esclusiva della commissione Agricoltura.

Nei fatti il Parlamento europeo ha optato per la procedura con le commissioni associate. Il normale iter legislativo prevede che ogni dossier abbia una commissione parlamentare competente, più commissioni chiamate a esprimere pareri, però non vincolanti. Con la speciale procedura, la commissione associata ha maggiori poteri, e può produrre orientamenti tali da influenzare il lavoro dell’organismo parlamentare di riferimento. In altre parole la commissione Ambiente può costringere la commissione Agricoltura ad apportare modifiche e cercare altre proposte di compromesso. Per fare un esempio, se la commissione Agricoltura non dovesse approvare degli emendamenti, la commissione Ambiente potrà portare gli stessi in Aula.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • L'Efsa contro la strage dei pulcini: sostenere le innovazioni per evitarla

  • "Basta a salse con derivati dal petrolio al posto del tartufo"

  • Mangi poche verdure? “Colpa” di un gene

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento