Pesca a strascico nel Mediterraneo, Bruxelles approva nuovo piano di gestione

Critiche dall’associazione delle cooperative: “Rimane un’altra stangata al settore italiano ed europeo”

Ansa EPA/TOLGA BOZOGLU

È stato raggiunto un accordo provvisorio tra Parlamento e Consiglio Ue sulla proposta di regolamento per un piano multi-annuale che regoli la pesca che sfrutta gli stock demersali nel Mar Mediterraneo Occidentale. Tale provvedimento riguarda le flotte a strascico di Italia, Francia e Spagna operanti fra il Tirreno e il Mare di Alboran.

Un testo che ha lasciato scontente le organizzazioni di categoria, che speravano di ottenere condizioni migliori per continuare il proprio business.  “Un cocktail difficile da digerire che metterà a dura prova la tenuta delle imprese”, è stato il primo commento a caldo rilasciato da Agci Agrital, l’associazione delle cooperative italiane del settore ittico-alimentare. La lobby della pesca spiega che l’accordo prevede “fino al 40% di riduzione dell'attività di pesca in mare entro i prossimi 5 anni” ma anche un “allontanamento dello strascico dalla costa per 3 mesi l’anno (6 miglia-batimetrica 100 m), stabilita durata massima del giorno di pesca in 15 ore”. 

La nota Agci accoglie comunque positivamente lo spostamento dell'obiettivo del 2020 di 5 anni per una maggiore progressione, e che sia stata “eliminata la “minaccia” di adozione in Mediterraneo del sistema TAC e Quote, la riduzione dello sforzo di pesca in 5 anni è stata portata da un massimo del 50% al 40%, l'allargamento della fascia di protezione che la CE voleva portare dalla batimetrica dei 50 ai 100 m e' stata "aggiustata" con il limite alle 6 miglia, mentre aperture hanno riguardato gli incentivi per i ritiri definitivi”.  “Tutti miglioramenti” scrive Agci “rispetto alla proposta iniziale presentata un anno fa, ottenuti anche attraverso l'impegno del nostro governo e di tanti eurodeputati italiani che hanno ascoltato le istanze presentate dall'Alleanza delle cooperative italiane nei lunghi mesi di negoziato”, si legge nella nota. Il testo è ora in attesa di approvazione definitiva. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • Troppo caldo, la raccolta delle mele parte in anticipo (e in ribasso)

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

  • "Un piano per l'agroindustria italiana per creare 100mila posti di lavoro"

  • Ferragosto, un successo per gli agriturismi italiani “+7% rispetto al 2018”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento