Pesca, 7 milioni di tonnellate di pesce ributtate in mare ogni anno

Secondo i dati Fao. Dal 1 gennaio 2019 entrerà in vigore l'obbligo di sbarco da parte di tutti gli Stati membri dell'Ue: i pescherecci saranno tenuti a conservare e sbarcare quanto catturato, compreso quello sottotaglia o fuori quota

Dal 1 gennaio 2019 entrerà in vigore l'obbligo di sbarco da parte di tutti gli Stati membri dell'Ue: i pescherecci saranno tenuti a conservare e sbarcare tutto il pesce catturato, compreso quello sottotaglia o fuori quota, con l'obiettivo di abolire la pratica del rigetto in mare delle catture indesiderate. Ad oggi, infatti, ogni anno a livello globale oltre 7 milioni di tonnellate di pesce, una volta pescate, vengono rigettate in mare (dati Fao).

Uno spreco che rende più lontane le scadenze al 2020 in materia di conservazione della biodiversità e la gestione sostenibile della pesca contenute nell'ultima versione della politica comune della pesca (PCP) per l'attuazione delle cui misure gli Stati membri hanno avuto 5 anni di tempo, ma sono ancora in ritardo. Per arginare la pratica del rigetto in mare del pescato indesiderato, ci sono diverse soluzioni tecniche, alcune delle quali hanno già dato risultati incoraggianti. Sono quelle proposte dal Wwf nell'ambito del progetto europeo Minouw, che coinvolge enti di ricerca e pescatori.

Dalle flotte dell'Argentario a quelle di Mazara del Vallo, dal Portogallo alla Spagna, i pescatori sono stati coinvolti nella sperimentazione di reti per la pesca ai gamberi dotate di luci colorate o di speciali griglie di metallo capaci di scartare i gamberi più piccoli prima che entrino nel sacco finale della rete. L'utilizzo di visori notturni aiuta a identificare in tempo reale gli stock di dimensioni troppo ridotte, mentre le reti ''sentinella'' sono tramagli modificati capaci di risparmiare invertebrati non commerciabili e diminuire la percentuale di pesci commerciabili danneggiati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Proibite la pesca con le reti da posta per chi le cala adiacenti le dighe foranee con pericolo per la balneazione

Notizie di oggi

  • Ambiente&Clima

    "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • Ambiente&Clima

    Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • Filiera

    La crisi dell zucchero italiano, appello all'Ue: "Servono misure straordinarie"

  • Ambiente&Clima

    Pesticidi, Parlamento Ue: "Più trasparenza sulle autorizzazioni al commercio"

I più letti della settimana

  • Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • La pizza "italiana" vale 15 miliardi

  • Brexit senza accordo? "Pesanti conseguenze per agroalimentare italiano"

  • Il biologico sotto accusa: "Inquina ed è antieconomico". FederBio: "Tesi vecchie e già smentite"

  • Animalisti contro gli allevamenti delle quaglie: vivono nello spazio di uno smartphone

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento