"Stop a uso dei pesticidi vicino a scuole, case e ospedali"

La richiesta del Parlamento europeo per un uso più sostenibile degli erbicidi in agricoltura. M5s: "Ora la palla nelle mani della Commissione Ue"

Sostenere l'innovazione sui pesticidi a basso rischio. Fissare obiettivi di riduzione per l'impiego di pesticidi e divieto immediato di utilizzo nei pressi di case, scuole, parchi giochi, asili nido e ospedali. Sono queste le richieste principali della risoluzione approvata dal Parlamento europeo per promuovere a livello Ue un uso sostenibile dei pesticidi.

“L’approvazione della direttiva sull’utilizzo sostenibile dei pesticidi è un buon risultato, adesso tutto dipenderà dalle reazioni della  Commissione - dice l'eurodeputato M5s Piernicola Pedicini -  I nostri due emendamenti sulla questione dei pesticidi contraffatti e sui prodotti agricoli importati trattati con sostanze chimiche vietate o soggette a restrizioni sono stati adottati a larga maggioranza. Ci dovrebbero essere più controlli, altrimenti è davvero inutile parlare di uso sostenibile dei pesticidi all’interno dell’Unione”, aggiunge.

Per Pedicini, "bisogna aiutare gli agricoltori ad abbracciare la transizione verso una progressiva riduzione dell’uso di pesticidi: l’uso dei pesticidi può essere ridotto in modo significativo senza impatti negativi sul rendimento. Ho incontrato moltissimi agricoltori che già vivono come una normalità il non utilizzo di pesticidi o altri contaminanti chimici. Il biologico 100% è una realtà, soprattutto in Italia dove il consumatore premia il prodotto di qualità”, conclude 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • Peste suina, il virus avanza in Europa. Minaccia sempre più vicina per l’Italia

  • Troppo caldo, la raccolta delle mele parte in anticipo (e in ribasso)

  • Sbarchi di grano straniero, Confagricoltura contro Coldiretti: “Nessuna invasione dal Canada"

  • “Felafel campione di sostenibilità” arriva la classifica dei piatti tipici più ‘verdi’

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento