Stretta della Scozia, i pescatori di salmoni non potranno più cacciare le foche

I mammiferi vengono uccisi o spaventati, con il beneplacito di Edimburgo, per evitare che distruggano le reti allo scopo di mangiare il pesce, causando perdite al settore

Foto Ansa EPA/TIBOR ROSTA

Il governo scozzese ha deciso di tutelare le foche del Paese e proteggerle dai pescatori di salmoni che le uccidono per evitare che caccino il pesce dei loro allevamenti.

Rischio ritorsioni Usa

La mossa arriva perché Edimburgo teme che gli Stati Uniti possano vietare le importazioni di salmone scozzese perché l'uccisione e il danneggiamento delle foche violeranno le normative statunitensi a tutela del benessere dei mammiferi marini. Un rischio non da poco visto che gli Usa importano 25mila tonnellate di salmone scozzese, pari al 26% delle esportazioni della nazione, per un valore di 179 milioni di sterline l'anno.

Ambientalisti contro allevatori

Come racconta il Guardian il governo di Nicola Sturgeon e gli allevatori di pesci subiscono da tempo pressioni da parte di ecologisti e attivisti per i diritti animali che chiedono che venga vietata la possibilità di sparare alle foche e di spaventarle con dispositivi di dissuasione acustica (ADDs), che emettono toni sott'acqua per spaventare questi mammiferi marini ma che possono causare danni all'udito e stress anche a delfini, focene e balene. Gli ultimi dati mostrano che 31 foche sono state uccise grazie alle licenze concesse dall'esecutivo nei primi tre mesi del 2020, il doppio rispetto allo scorso anno. La Scottish Salmon Producers Organization (SSPO) ha affermato che la caccia ai salmoni delle foche e il danneggiamento delle reti da parte loro provocherebbe la perdita di 500mila pesci all'anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutela degli animali

Il provvedimento verrà introdotto come un emendamento governativo a un più ampio disegno di legge sugli animali e la fauna selvatica che include sanzioni molto più severe per i crimini contro animali selvatici. Le sanzioni consentiranno ai tribunali di incarcerare i trasgressori fino a cinque anni e imporre multe illimitate. Fino ad ora, il termine massimo per i reati più gravi era di 12 mesi e una multa di 20mila sterline.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento