Allarme Ue, per salvare la sostenibilità del Mediterraneo serve uno "sforzo vigoroso"

La Commissione lamenta che "la maggior parte degli stock è ancora sovrasfruttata". Le cose vanno meglio invece nell'Atlantico nord-orientale grazie a una gestione della pesca più attenta

Gli Stati europei devono fare uno “sforzo vigoroso” se vogliono salvare la sostenibilità della pesca nel Mediterraneo, i cui stock ittici sono in forte diminuzione a causa della pesca eccessiva. Lo afferma il report della Commissione “Towards more sustainable fishing in the EU: state of play and orientations for 2021”, in cui si fa un bilancio della situazione dei mari europei.

Bene nell'Atlantico

Il dato positivo è che la comunicazione mostra che la pesca nell'Atlantico nord-orientale è diventata costantemente più sostenibile, dando luogo a uno stock più abbondante. Le prestazioni economiche delle flotte dell'Ue hanno continuato a essere molto buone, con un utile netto di circa 1,4 miliardi di euro e un margine di profitto netto medio del 18% nel 2018. Anche gli stipendi dei pescatori hanno continuato ad aumentare. “La gestione della pesca nell'Ue ci ha portato buone notizie: ora abbiamo il 50% in più di pesce nei mari del Nord Est Atlantico rispetto al 2003”, ha esultato il commissario ai Mari e alla pesca Virginijus Sinkevičius.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rischi per il Mediterraneo

Per il Mediterraneo e il Mar Nero non si deve invece abbassare la guardia e servono “vigorosi sforzi di conservazione”, in quanto “la maggior parte degli stock è ancora sovrasfruttata”. Per la Commissione ciò è dovuto in gran parte alla natura multispecie della pesca, al fatto che diversi stock ittici sono condivisi con Paesi terzi, tipo quelli dell'Africa Settentrionale, e al basso numero di stock ittici valutati annualmente da organismi scientifici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

  • La pandemia ha causato un crack da 2 miliardi all'industria dell'olio Made in Italy

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento