Agricoltori e chef uniti contro lo spreco alimentare, l'Onu lancia il movimento #StopTheWaste

Al via una campagna globale per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle enormi quantità di cibo che ogni giorno viene scartato inutilmente

Il World food programme (Wfp) delle Nazioni Unite ha annunciato oggi il lancio di Stop the Waste, una campagna globale per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle enormi quantità di cibo che ogni giorno viene scartato inutilmente. Per rendere ancora più efficace questa iniziativa, il Wfp ha invitato ristoratori e chef di tutto il mondo a unirsi al movimento #StopTheWaste.

La missione del World food programme è avere un mondo a Fame Zero. Per raggiungere questo obiettivo, è fondamentale anche prevenire le perdite di cibo. Il Wfp si impegna aiutando i piccoli agricoltori con la fornitura di nuove tecnologie per lo stoccaggio e il trasporto che impediscono il deterioramento anticipato delle colture e mettendoli in contatto con i mercati. "#StopTheWaste è una campagna apprezzata da tutti, dagli agricoltori ai consumatori - ha affermato Corinne Woods, direttore Marketing del Wfp - Lo spreco alimentare è un problema che riguarda tutto il Pianeta ma ciascuno di noi può fare la propria parte per costruire un ambiente sostenibile. Un agricoltore che ha perso parte del proprio raccolto o un ristoratore di New York che spreca quello che resta dopo aver preparato i piatti: tutti possono fare la differenza e contribuire a #StoptheWaste".

Il World food programme ha lanciato sul suo canale YouTube un video animato di 60 secondi per suggerire semplici soluzioni allo spreco alimentare che ognuno può mettere in pratica. Ecco i quattro passi per partecipare a #StopTheWaste:

- Cerca nel tuo frigorifero o nella tua dispensa un alimento che sia vicino alla data di scadenza e che possa ancora essere consumato

- Scatta un selfie mentre lo prepari o lo mangi

- Condividi la foto sui social media utilizzando l'hashtag #StopTheWaste e sfida tre amici a fare lo stesso taggandoli nel post

- Fai un ulteriore passo: condividi sui tuoi profili social le ricette realizzate con il cibo avanzato o organizza una cena a casa tua invitando i tuoi amici a fare lo stesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • L'Efsa contro la strage dei pulcini: sostenere le innovazioni per evitarla

  • "Basta a salse con derivati dal petrolio al posto del tartufo"

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

  • "Mangiare troppi cibi industriali fa male al cuore"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento