"Bruxelles renda pubblico lo studio su impatto agricoltura su clima", l'appello del Wwf

La denuncia dell'organizzazione ambientalista: "Il settore agricolo è responsabile del 15% delle emissioni di gas serra dell'Ue"

Uno studio sull'impatto della Politica agricola Ue sul clima che ancora non è stato reso pubblico, nonostante sia passato quasi un anno dalla data annunciata. E' questo il documento a cui il Wwf ha chiesto ufficialmente di poter accedere con una lettera formale presentata alla Commissione europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il documento, realizzato da esperti esterni, contiene la valutazione di impatto della Pac sul clima e avrebbe dovuto essere pubblicato nell'estate 2018. La Commissione europea ha 15 giorni lavorativi per rispondere alla richiesta, presentata a pochi giorni dal prossimo Consiglio agricoltura in programma il 14 maggio, con all'ordine del giorno l'assetto della futura Pac. "Il settore agricolo è responsabile del 15% delle emissioni di gas serra dell'Ue - spiega Jabier Ruiz del Wwf Europa - quando invece potrebbe catturare e immagazzinare molta più Co2 e i ministri devono discutere del futuro dell'agricoltura e della politica climatica con tutti gli elementi sul tavolo, ecco perché il Wwf ha presentato una richiesta di libertà di informazione per la valutazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • Braccianti stranieri, Lega contro il Pd. Ma l’ultimo decreto flussi l’ha firmato Salvini

  • L'appello dei braccianti immigrati: “Raccogliamo il vostro cibo ma abbiamo fame”

  • "Porte aperte a 80mila migranti", la Germania sblocca l'impasse Ue sugli stagionali

  • Covid-19 'colpisce' anche uova e colombe pasquali, crollo dei ricavi delle aziende dolciarie

  • Coronavirus, per i Paesi africani la carenza di cibo potrebbe essere peggio della pandemia

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento