L'Ue tutela l'Amatriciana: assegnato il marchio di Specialità tradizionale garantita

La Commissione europea ha pubblicato la domanda di registrazione del piatto tipico del Comune reatino distrutto dal terremoto del 2016. Per la conferma definitiva serviranno ancora 3 mesi, ma l'etichetta Stg è ormai certa. Servirà a proteggere la salsa da imitazioni e falsi

Il riconoscimento definitivo avverrà fra tre mesi, ma a meno che qualcuno non solleverà obiezioni e che queste obiezioni verranno accolte, la salsa 'Amatriciana tradizionale' entrerà a far parte del ristretto club dei marchi Stg (Specialità tradizionale garantita) dell'Unione europea. Un'etichetta che servirà a proteggere da falsi e imitazioni la salsa fatta "secondo il metodo di produzione e la ricetta secolare del comprensorio di Amatrice".

La Commissione europea ha infatti pubblicato oggi, sulla Gazzetta Ufficiale dell'Ue, la domanda di registrazione dell'Amatriciana. Il carattere tradizionale dell'Amatriciana Tradizionale - sottolinea il testo ufficiale - è legato agli ingredienti impiegati (dal pomodoro al guanciale ) e al metodo specifico di preparazione utilizzato tradizionalmente nel comprensorio dei Monti della Laga, dai quali la preparazione trae origine. Di fatto, si riconosce che la popolazione di Amatrice ha dato vita a uno dei piatti più conosciuti della tradizione italiana rielaborando e arricchendo un'antica preparazione pastorale, con l'introduzione del pomodoro intervenuta all'inizio del 1800.

Da oggi, secondo la normativa europea, coloro che vorranno sollevare obiezioni alla registrazione della salsa 'Amatrice tradizionale', avranno tre mesi per farlo. Superata quella data, e se nessuno avrà sollevato riserve, l'eccellenza agroalimentare italiana potrà essere iscritta nel Registro europeo delle Denominazioni d'origine e Indicazioni geografiche (Dop -Igp) e Specialità tradizionali garantite (Stg) di cui l'Italia è leader in Europa.

"Siamo fieri e orgogliosi - dice Antonio Fontanella, sindaco di Amatrice - Per la nostra terra sarebbe il giusto riconoscimento di una specialità famosa in tutto il mondo da secoli, che ha una lunga storia che appartiene a ciascuno di noi. Una storia che viene da lontano e che comincia con i nostri pastori, alla vicenda umana e sociale dei quali la ricetta è legata. I nostri prodotti, da oggi, sono ufficialmente gli ingredienti della salsa amatriciana in tutto il mondo, ne siamo fieri, orgogliosi, felici".

Quello di "Specialità tradizionale garantita" è un marchio di origine introdotto dalla Unione europea volto a tutelare produzioni specifiche che siano caratterizzate da composizioni o metodi di produzione tradizionali. Attualmente sono 58 in tutta l'Ue, di cui 2 in Italia: la mozzarella e la pizza napoletana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Coldiretti lancia l'Sos presepe: dalle stalle spariti 2 milioni di animali

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Semaforo rosso al nutri-score francese, arriva la ‘batteria’ in etichetta che piace al made in Italy

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • Riutilizzo delle acque di scarico per l’irrigazione, arriva il via libera da Bruxelles

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento