La Cina verso il divieto al consumo di cani e gatti: “Abusi negli allevamenti e cittadini più sensibili”

Dopo lo stop al consumo di animali selvatici, dovuto a possibili legami con la comparsa del coronavirus, il Governo di Pechino ha deciso di dire basta anche ai cibi a base degli 'amici a quattro zampe', sempre più deplorato dagli stessi cinesi

Il mercato di Guiyang, Foto Ansa (EPA/WU HONG)

Una lunga tradizione, da tanti osteggiata negli Stati occidentali, potrebbe presto finire fuorilegge. La Cina intende, infatti, vietare il consumo di alimenti a base di carne di cani e gatti. A farlo sapere è il ministero dell’Agricoltura di Pechino, che ha pubblicato una proposta in tal senso mercoledì 8 aprile. 

Il disegno di legge

La proposta contiene un elenco di animali che possono ancora essere allevati per ricavarne carne e pellicce o per scopi medici. Cani e gatti non ne fanno più parte, a differenza di altri animali come volpi e struzzi. Secondo l'iter di approvazione legislativa, i cinesi possono ora esprimere il loro parere su questa proposta fino all'8 maggio. 

Le preoccupazioni sugli allevamenti 

In una dichiarazione, il ministero dell’Agricoltura ha affermato che i cani sono stati rimossi dall'elenco a causa delle maggiori preoccupazioni internazionali sugli abusi compiuti negli allevamenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I provvedimenti post-coronavirus 

Inoltre, sempre più cinesi considerano i cani come animali domestici e quindi disapprovano il loro consumo. Il ministero non fornisce, tuttavia, alcuna spiegazione per la rimozione dei gatti dall'elenco. Le vendite di animali selvatici sono state limitate da febbraio, a causa del legame tra un mercato di Wuhan che vende carne cruda e la comparsa del nuovo coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • "Sfruttamento dei lavoratori e sostanze inquinanti nelle coltivazioni di ananas 'etici e sostenibili'"

  • Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

  • Solo il 48% dei fiumi e il 20% dei laghi italiani è in uno stato ecologico buono

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento