Pesca, il Parlamento Ue dice no alle quote su sardine e acciughe nel mar Adriatico

Da Strasburgo ok a un piano triennale per i piccoli pelagici che prevede la riduzione progressiva delle catture e dei periodi di fermo “compensati” con indennizzi ai pescatori. Polemici i Verdi 

La riduzione delle catture ci sarà, ma quello che per il settore della pesca era un rischio, ossia l'introduzione di un sistema di quote per i piccoli pelagici, è stato sventato. Il Parlamento europeo ha varato oggi il nuovo piano pluriennale per la pesca di acciughe e sardine nel mar Mediterraneo. 

Il testo prevede una riduzione delle catture del 4% l'anno per un triennio e chiusure spazio-temporali, al fine di tutelare gli stock di sardine e acciughe. Nei periodi di fermo, i pescatori riceveranno gli indennizzi previsti dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, il Feamp. 

Niente quote, dunque, come richiesto dalla Commissione europea. E un piano “ridotto”, ossia triennale, per consentire una nuova valutazione dello stock in tempi relativamente ridotti. Il voto è stato salutato come un successo dall'eurodeputata del M5s Rosa D'Amato e dall'esponente di Forza Italia, Elisabetta Gardini.

Critico invece l'ex 5 stelle, oggi deputato dei Verdi, Marco Affronte: “Con questo piano rischiamo un collasso dello stock delle acciughe, che potrebbe arrivare anche al 60%, e quello delle sardine (meno 40%). Non credo che per i piccoli pescatori buttare la propria vita e la propria attività sul tavolo da poker, puntando tutto sulla resistenza degli stock, sia molto saggio: bisogna incrociare le dita e pregare che acciughe e sardine non scompaiano”.

Il testo emendato dall'Europarlamento dovrà ora essere negoziato con la Commissione e con il Consiglio Ue. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Filiera

    Greenpeace: gli allevamenti intensivi un pericolo per i fiumi europei

  • Giovani

    Copagri: in agricoltura senza redditività non c'è dignità

  • Filiera

    Confagricoltura: la peste suina mette a rischio il comparto

  • Innovazione

    Come migliorare la catena alimentare? Con i microbi

I più letti della settimana

  • Piante "aliene" a rischio: l'Ue blocca l'import di 39 impianti

  • "Concimi più rispettosi dell'ambiente". Da Stati Ue ok a nuove norme

  • L'Ue mette un limite alla quantità di grassi trans negli alimenti

  • Etichette e indicazioni geografiche, l'Ue protegge i "suoi" superalcolici

  • Commissione: “Fondi europei riducono la povertà nelle zone rurali”

  • Manovra: “Abbattute del 40% le accise birra per le imprese artigianali”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento