Da Agea un miliardo a 434mila aziende italiane

Completato il pagamento degli anticipi 2018 della Politica agricola comune

L'Organismo Pagatore Agea con il finanziamento del decreto della Domanda Unica, ha completato il pagamento di anticipi 2018 della Politica agricola comune che ha riguardato complessivamente oltre 434 mila aziende per oltre 984 milioni di euro. Lo annuncia, in una nota, il ministero delle Politiche agricole, precisando che Agea ha autorizzato decreti di pagamento nell'ambito del Programma Nazionale di Sviluppo Rurale, per la Misura Assicurativa 17.1, in favore di 21.789 beneficiari che hanno aderito alla misura per le annualità 2015, 2016 e 2017 e per un importo complessivo di euro 49.828.562. Sulla misura assicurativa ad oggi, aggiunge il ministero, sono stati complessivamente autorizzati sulle tre annualità 2015, 2016 e 2017 oltre 398 milioni di euro.

Con gli ultimi due decreti di pagamento autorizzati da Agea, sottolinea il Mipaaft, è stato superato l'obiettivo di spesa del 31 dicembre 2018, previsto nel Programma Nazionale di Sviluppo Rurale, pari a 363 milioni di euro. Nel mese di novembre Agea ha anche autorizzato decreti di pagamento nell'ambito dei Programmi Regionali di Sviluppo Rurale in favore di 41.271 beneficiari per un importo di euro 169.377.977, avviando anche i pagamenti di anticipo sulle domande delle misure a superficie presentate nel 2018. Con tali pagamenti le Regioni Friuli Venezia Giulia e Puglia hanno superato gli obiettivi di spesa del 31 dicembre prossimo previsti dai rispettivi Programmi Regionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

  • La dieta più sana? E' quella sostenibile per l'ambiente e per il portafoglio

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento