Il biologico sotto accusa: "Inquina ed è antieconomico". FederBio: "Tesi vecchie e già smentite"

Continua la polemica sul disegno di legge sull'agricoltura biologica. Dopo il documento di 213 esperti in cui si sollevano dubbi sulla sostenibilità ambientale e produttiva del settore, arriva la replica dell'organizzazione che riunisce aziende, associazioni e consumatori italiani

L'tatto di accusa è stato lanciato pochi giorni fa in un lettera al Senato a firma di 213 fra ricercatori agronomi, tecnici ed esperti di scienze agrarie: il disegno di legge sull'agricoltura biologica deve essere modificato “profondamente nell'impianto e nei contenuti". Il motivo? A detta degli autori della missiva, il bio non è sostenibile da un punto di vista economico. E vi sarebbero dubbi anche su quello ambientale. "Tesi vecchie e già ampiamente smentite", è la secca replica di Federbio, l'organizzazione che dal '92 si batte per la promozione e la tutela di un settore sempre più in crescita. 

LEGGI ANCHE: ​L'atto di accusa al biologico

"Le affermazioni contenute nel documento inviato al Senato - dice FederBio - sono vecchie di 11 anni. In questo documento sono stati presi in considerazione dati di Paesi molto differenti rispetto all’Italia o completamente decontestualizzati e assortiti. Oltre ai dati dei centri di ricerca del CREA sono disponibili quelli del centro di ricerca federale svizzero FIBL, che da decenni confronta i diversi metodi di produzione proprio per valutarne la diversa efficienza, anche produttiva. La stessa attività che da anni svolgono decine di università e centri di ricerca in Ue e anche la FAO, il tutto riassunto in una ricerca pubblicata a fine 2017 che smentisce in toto le tesi degli autori del documento". 

Ma per FederBio non ci sono solo gli studi scientifici a ribaltare le tesi dei contrari al ddl che mira a mettere al centro del sistema agroalimentare italiano il biologico (testo già approvato alla Camera e ora in discussione al Senato): "Basta guardare la pratica quotidiana di aziende agricole biologiche italiane di eccellenza - spiega l'organizzazione - Del resto, da diversi anni sono le aziende convenzionali ad essere in crisi e a chiudere progressivamente, poiché ciò che determina la sostenibilità economica delle imprese anche agricole non è solo la quantità prodotta ma la differenza fra costi e ricavi. Produrre molto per vendere i prodotti agricoli sottocosto, come propongono gli autori del documento contro la legge sul biologico, comporta profitti per le aziende che vendono mezzi tecnici e servizi, ma il fallimento delle aziende agricole convenzionali e la schiavitù del lavoro nero nelle campagne", conclude FeberBio. 

Per saperne di più sulla posizione di FederBio: https://feder.bio/disegno-legge-sullagricoltura-biologica-federbio-replica-al-documento-contributo-tecnico-scientifico-alla-discussione/

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento