Centinaio all’Ue: nessun taglio ai contributi alla nostra agricoltura, abbiamo già dato

Il ministro: "Dobbiamo tutelare il settore, siamo pronti a fare scattare i controlli sulle importazioni, senza se e senza ma, senza guardare in faccia a nessuno"

Foto Ansa

“Questo è un momento storico in cui l'agricoltura italiana e' palesemente sotto attacco. La nostra e’ un agricoltura di qualità e per questo l'Italia deve andare in Europa, tutelare i nostri produttori e difendere l'agricoltura a 360 gradi. Questo significa andare a parlare di Pac e quando si va in Europa dire che non si può accettare un taglio di contributi all'agricoltura del nostro paese perché noi abbiamo già dato". Parlando all'inaugurazione del Salone del Gusto di Torino, il ministro delle politiche agricole, Gian Marco Centinaio, ha promesso battaglia contro eventuali tagli alla Politica agricola comune.

"Nel momento in cui tutelo gli agricoltori e gli permetto di lavorare serenamente devo tutelare anche il consumatore perché possa scegliere consapevolmente. L'impegno del nostro ministero e' di proteggere tutta la filiera dal produttore al consumatore", ha aggiunto il ministro. L'obiettivo, ha concluso, “è che l'agricoltura italiana sia sempre più forte e autorevole a livello internazionale. E siamo pronti, ogni volta che sarà necessario, a fare scattare i controlli sulle importazioni, senza se e senza ma, senza guardare in faccia nessuno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Provocano autismo", Ue vieta 2 pesticidi. Ma governo e Lega: "Servono contro cimice asiatica"

  • Da dove proviene il cibo che mangiamo? Italia e Francia chiedono a Ue più chiarezza

  • Unesco: “La transumanza è patrimonio culturale dell’umanità”

  • "La transumanza sia patrimonio dell'umanità Unesco"

  • L'italiana Nuova Castelli ai francesi di Lactalis: ok dell'Ue

  • “Violenze sugli indigeni e foreste in fiamme”, sotto accusa la soia brasiliana venduta in tutta l’Ue

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento