Etichettatura carne, M5s: serve sistema che garantisca trasparenza e benessere animale

Interrogazione dell'eurodeputata Evi: I consumatori devono avere le informazioni necessarie per scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando standard elevati

L'Unione europea deve introdurre un sistema di etichettatura per carne e derivati comune che “garantisca trasparenza e una maggiore tutela del benessere degli animali”. Lo chiede una interrogazione alla Commissione europea presentata da Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“I consumatori europei devono essere in grado di capire, leggendo l’etichetta, se l’animale è stato allevato in allevamenti intensivi od estensivi o, per esempio, se il trasporto dell’animale verso il macello è durato meno o più di 8 ore o, ancora, se sono stati somministrati antibiotici”, spiega Evi.  

“Un’etichettatura di questo tipo permetterebbe ai consumatori di scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando elevati standard di benessere animale, accettando anche di pagare un prezzo più elevato per gli stessi. Si creerebbe così un effetto di "corsa al rialzo" che andrebbe a premiare gli allevatori più virtuosi”, conclude l'eurodeputata 5 Stelle.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Notizie

    Pasqua bio: a tavola 1 alimento su 4 sarà biologico e sostenibile

  • Filiera

    Il disavanzo cerealicolo sale a 217 milioni a gennaio

  • Sviluppo

    Dazi su ketchup e trattori, la risposta Ue a Trump

  • Filiera

    "Basta scandali, più trasparenza sull'Autorità Ue per la sicurezza alimentare"

I più letti della settimana

  • "Colorante a rischio cancro", la Francia pronta a bandire l'E171

  • Cresce l'export di mortadella. Piace soprattutto a francesi e tedeschi

  • “Gli allevamenti di salmone distruggono l'ecosistema”, una petizione chiede di vietarli

  • Il disavanzo cerealicolo sale a 217 milioni a gennaio

  • "I noccioleti vicino ai laghi inquinano e violano le norme Ue", il M5s porta il caso a Bruxelles

  • La lotta per il clima passa anche dalla tavola: il 19 aprile primo sciopero vegan

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento