Etichettatura carne, M5s: serve sistema che garantisca trasparenza e benessere animale

Interrogazione dell'eurodeputata Evi: I consumatori devono avere le informazioni necessarie per scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando standard elevati

L'Unione europea deve introdurre un sistema di etichettatura per carne e derivati comune che “garantisca trasparenza e una maggiore tutela del benessere degli animali”. Lo chiede una interrogazione alla Commissione europea presentata da Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“I consumatori europei devono essere in grado di capire, leggendo l’etichetta, se l’animale è stato allevato in allevamenti intensivi od estensivi o, per esempio, se il trasporto dell’animale verso il macello è durato meno o più di 8 ore o, ancora, se sono stati somministrati antibiotici”, spiega Evi.  

“Un’etichettatura di questo tipo permetterebbe ai consumatori di scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando elevati standard di benessere animale, accettando anche di pagare un prezzo più elevato per gli stessi. Si creerebbe così un effetto di "corsa al rialzo" che andrebbe a premiare gli allevatori più virtuosi”, conclude l'eurodeputata 5 Stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Sono vettori di Coronavirus”, la Cina mette al bando il consumo di animali selvatici

  • Con la Brexit il Regno Unito pronto ad aprire al pollo Usa lavato con gli acidi

  • I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Pollo al cloro, l’Ue avverte il Regno Unito: “In Europa non entra”

  • Effetto coronavirus: boom di vendite di prodotti alimentari, ma nessun problema di rifornimenti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento