Etichettatura carne, M5s: serve sistema che garantisca trasparenza e benessere animale

Interrogazione dell'eurodeputata Evi: I consumatori devono avere le informazioni necessarie per scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando standard elevati

L'Unione europea deve introdurre un sistema di etichettatura per carne e derivati comune che “garantisca trasparenza e una maggiore tutela del benessere degli animali”. Lo chiede una interrogazione alla Commissione europea presentata da Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“I consumatori europei devono essere in grado di capire, leggendo l’etichetta, se l’animale è stato allevato in allevamenti intensivi od estensivi o, per esempio, se il trasporto dell’animale verso il macello è durato meno o più di 8 ore o, ancora, se sono stati somministrati antibiotici”, spiega Evi.  

“Un’etichettatura di questo tipo permetterebbe ai consumatori di scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando elevati standard di benessere animale, accettando anche di pagare un prezzo più elevato per gli stessi. Si creerebbe così un effetto di "corsa al rialzo" che andrebbe a premiare gli allevatori più virtuosi”, conclude l'eurodeputata 5 Stelle.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Italia il cibo costa più che in Germania e Regno Unito

  • Xylella, un fungo potrebbe aiutare a sconfiggere il killer degli ulivi

  • La passione dei turisti per la cucina italiana, un quarto della loro spesa è nei ristoranti

  • Nell'Ue, 3 prodotti alimentari su 10 cambiano ingrediente a seconda del Paese

  • "Ogni settimana mangiamo la plastica di una carta di credito", lo studio shock del Wwf

  • Peste suina, la Sardegna all'Ue: "Basta restrizioni sui nostri maiali"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento