Centinaio: “Il decreto emergenze è una vittoria per il comparto”

Tra le principali misure del provvedimento norme contro xylella e gelate e interventi in sostegno della produzione di latte di pecora

"La conversione in legge del decreto Emergenze Agricoltura è una vittoria per tutto il comparto agroalimentare italiano. Con misure concrete adesso lavoriamo per ripartire e lasciarci alle spalle le problematiche che hanno coinvolto il settore nell'ultimo anno". Così il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio commenta la conversione in legge con voto finale al Senato del Dl Emergenze Agricoltura. Tra i provvedimenti principali il contrasto alla Xylella e le gelate in Puglia, interventi sulla questione 'quote latte' e Pecorino romano-sardo, interventi per il settore degli agrumi, per la tutela del settore pesca e anticipo Pac.

"Avevo promesso lavoro e impegno - sostiene Centinaio - per riportare i settori olivicolo-oleario, agrumicolo, lattiero caseario e ovi-caprino al più presto fuori dalla crisi e competitivi. Adesso ci sono gli strumenti per poterci riuscire. L'agricoltura italiana può e deve diventare protagonista del rilancio dell'economia del nostro Paese, anche a livello internazionale".

"Dobbiamo continuare a valorizzare e sostenere il nostro made in Italy - sottolinea il Ministro - promuovere sempre di più le nostre eccellenze in tutto il mondo. Questo è un primo passo, la strada è quella giusta. Ringrazio i colleghi deputati e senatori che hanno compreso l'importanza di queste misure. L'agricoltura italiana non è sola, il Governo c'è ed è al suo fianco, pronto a dare supporto a tutto il settore", conclude il Ministro Centinaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento