Cibo, gli italiani non si fidano a comprarlo online

Istat: solo 4% acquista prodotti alimentari in rete. In generale resta un “gap notevole” con gli altri Paesi Ue nel settore dell’e-commerce

Foto Ansa

Gli italiani non sembrano voler abbandonare l’abitudine di fare la spesa in un mercato o negozio “reale”, piuttosto che affidarsi agli acquisti telematici con qualche semplice click. Secondo quanto ha rivelato l’Istat, nel corso dell’audizione alla Camera in merito al progetto di legge sugli orari dei negozi, solamente il 4% degli italiani compra prodotti alimentari online. Il dato è certamente in contrasto con quello che riguarda gli acquisti in generale effettuati su piattaforme di e-commerce quali Amazon, Zalando o Ebay. Infatti, mentre meno di un italiano su venti compra cibo in rete, il 32% dei concittadini ha effettuato acquisti online nel corso del 2017. 

Divario con l’Europa

I numeri citati dal direttore del Dipartimento per la produzione statistica dell’Istat, Roberto Monducci, di fronte alla commissione Attività produttive della Camera, evidenziano la crescita di 17 punti percentuali negli ultimi 3 anni sul totale dei consumatori online. Ma è “ancora molto ampio il divario con i principali partner europei”, sottolinea Monducci. Mentre solo un italiano su tre fa spese in rete, i consumatori online salgono al 50% della popolazione in Spagna, 67% in Francia e 75% in Germania.

Italiani sul web

La percentuale di popolazione che fa acquisti online va di pari passo con la diffusione di internet, che “rappresenta la precondizione affinché gli individui possano accedere ai servizi online, fra cui l’e-commerce”, ha precisato Monducci. L’Istat stima che nel 2017 il 69% degli utenti italiani si siano collegati su internet almeno una volta alla settimana, il 10% in più rispetto a tre anni fa. Nei 28 Paesi Ue, invece, tra il 2014 e il 2017 gli utenti “regolari” sarebbero saliti dal 75% all 81%. Il confronto con i grandi Paesi europei mostra quindi “la persistenza di un gap notevole”, visto che nel 2017 gli internauti regolari erano l’87% in Germania, l'83% in Francia e l’80% in Spagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa si compra online?

Le rilevazioni statistiche sulla sola popolazione che naviga sul web offrono informazioni più dettagliate su cosa comprano gli utenti in rete. Quasi un italiano su due che usa internet regolarmente effettua acquisti online, contro l’82% degli utenti tedeschi, il 76% di quelli francesi e il 59% tra gli internauti spagnoli. Le tipologie di beni di consumo acquistati online dagli italiani sono simili a quelle degli altri Paesi Ue. La rete viene utilizzata principalmente per comprare capi di abbigliamento e attrezzature sportive, ma anche libri, giornali, riviste (inclusi ebook), software e materiale per la formazione a distanza, articoli per la casa e viaggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento