Il cioccolato di Modica diventa un marchio Igp

Il ministro dell'Agricoltura Centinaio: "Un altro importante riconoscimento per i nostri prodotti di eccellenza". Giuffrida (Pd): "Prodotto da tutelare e promuovere sui mercati internazionali"

EPA/STEPHANIE LECOCQ

Il cioccolato di Modica è ufficialmente una indicazione geografica protetta, oggi il riconoscimento per il prodotto tipico siciliano è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale dell'Ue. Si tratta di “un altro importante riconoscimento per i nostri prodotti di eccellenza", dichiarato il ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio.

Carta economicamente importantissima

"Si conclude un lavoro da me avviato assieme al Consorzio cioccolato di Modica, nell'interesse di produttori, consumatori, e di un territorio che può giocare una carta economicamente importantissima proprio grazie al marchio che tutelerà questo prodotto di eccellenza", ha rivendicato Michela Giuffrida, europarlamentare siciliana del Pd e componente della Commissione Agricoltura dell'Aula. "L'aver accompagnato personalmente e sin dal primo giorno il lungo iter burocratico che oggi ci porta al riconoscimento dell'Igp Cioccolato di Modica come primo cioccolato registrato in ambito comunitario, mi rende particolarmente felice e orgogliosa”, ha continuato Giuffrida secondo cui il cioccolato di Modica “grazie al marchio Igp potrà adesso avere un posto d'onore tra le eccellenze italiane da tutelare e promuovere sui mercati internazionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'allarme: nel latte tracce di antibiotici e altri farmaci

  • Latte di mandorle sotto accusa: “Agricoltura killer di api, 50 miliardi di esemplari morti in un anno”

  • Lo studio dà il via libera: l'urina può essere usata come fertilizzante

  • Cimice asiatica, scontro M5s-Lega: "Italia vieti quel pesticida", "Così affossate agricoltori"

  • Virus cinese, in Italia scoperta carne illegale da Pechino: "Colpa frontiere Ue colabrodo"

  • Piano dell'Europarlamento per combattere traffico illegale e maltrattamento degli animali domestici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento