Confeuro: “Serve una strategia nazionale per sostenere gli agricoltori”

Il presidente Tiso: “Tra gli interventi urgenti vi è senza dubbio quello di ridurre i costi di produzione”

“È giunto il momento di dar vita ad una strategia nazionale che, tenendo conto della Pac e del quadro europeo nel quale si muove il comparto agroalimentare, si dia il compito di rilanciare l'agricoltura italiana partendo proprio dalle esigenze degli operatori del settore”. Lo chiede in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Mchele Tiso, secondo cui “tra gli interventi urgenti vi è senza dubbio quello di ridurre i costi di produzione a carico degli agricoltori (cresciuti del 5,4% nel 2018 - dati ISTAT), ma anche l'elaborazione di quelli utili a sostenere il loro reddito”.

Come Confeuro, continua, “rimaniamo convinti della necessità di un piano di rilancio che abbia al centro proprio chi lavora quotidianamente la terra; ed è per questo che insistiamo nel chiedere l'adozione di misure ad hoc e il coinvolgimento dei principali attori del primario nelle scelte politiche.” L'agricoltura, conclude Tiso “è stato il comparto che più di tutti ha fatto grande l'Italia, ed è su di essa che bisogna puntare per riportare il Paese lì dov'era un tempo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • Troppo caldo, la raccolta delle mele parte in anticipo (e in ribasso)

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

  • "Un piano per l'agroindustria italiana per creare 100mila posti di lavoro"

  • Ferragosto, un successo per gli agriturismi italiani “+7% rispetto al 2018”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento