Dazi, Coldiretti: con protezionismo quotazioni soia giù del 22% in tre mesi

Monitoraggio sull’andamento della quotazioni al mercato future Chicago Board of trade, un punto di riferimento mondiale per i prodotti agricoli di base

Le misure protezionistiche decretate dal governo degli Stati Uniti sui beni europei ha già prodotto un vero e proprio terremoto per l’agricoltura. Lo rileva Coldiretti, a seguito del monitoraggio sull’andamento della quotazioni al mercato future Chicago Board of trade, un punto di riferimento mondiale per i prodotti agricoli di base. Il presidente americano Donald Trump ha voluto nuove tariffe per l’import cinese nell’ordine complessivo di circa 200 miliardi di dollari, dopo che la Cina ha chiuso le porte a “una vasta gamma di prodotti agroalimentari” a stelle e strisce quali formaggi, soia, mais, grano, yogurt, burro, riso, carne di maiale e di manzo, pollame, pesce, nocciole e frutta e verdura come arance, patate, pomodori, asparagi, melanzane. Una vera e propria “escalation” nelle tensioni commerciali che ha portato a “un crollo delle quotazioni” della soia, che a Chicago “sono scese del 22% negli ultimi tre mesi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto accaduto non è da sottovalutare perché, ricorda Coldiretti, la soia è uno dei prodotti agricoli più coltivati nel mondo, largamente usato per l’alimentazione degli animali da allevamento. La Repubblica popolare cinese è attualmente il principale acquirente mondiale della soia, ma il dazio aggiuntivo del 25% nei confronti degli Stati Uniti “ha fatto cambiare le fonti di approvvigionamento a favore del Brasile”. Le disdette pesano sui raccolti statunitensi e sulle quotazioni riconosciute agli agricoltori americani, ma anche sugli allevatori e sui consumatori cinesi per l’aumento dei costi di produzione e in definitiva anche dei prezzi della carne. E’ questo, secondo l’organizzazione agricola italiana, ad aver determinato il crollo delle quotazioni del prodotto. Da qui la richiesta all’Unione europea di considerare “l’opportunità di attivare, nel caso di necessità, misure di intervento straordinarie anche a livello comunitario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

  • La pandemia ha causato un crack da 2 miliardi all'industria dell'olio Made in Italy

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento