Meno allevamenti, ma più Dop e Igp: in Italia crescono i prodotti di qualità

Lo rivela l'Istat. Il nostro Paese si conferma il primo in Ue per numero di riconoscimenti su origine protetta e indicazione geografica: 295 in totale nel 2017

Nel 2017 si rafforza il trend di crescita dei prodotti agroalimentari di qualità nelle sue diverse componenti (produttori, trasformatori, superfici e numero di prodotti riconosciuti), solo gli allevamenti sono in leggero calo. Il numero di produttori Dop (denominazione di origine protetta), Igp (indicazione geografica protetta) e Stg (specialità territoriale garantita) aumenta, rispetto al 2016, dell'1,8% sintesi del persistente calo registrato al Nord (-2,8%) e di un consistente aumento rilevato nel Mezzogiorno (+7,3%) e, in misura più lieve, al Centro (+1,4%). E' quanto segnala l'Istat.

Cresce considerevolmente il numero dei trasformatori (+7,6%); l'aumento è maggiore nel Mezzogiorno (+11,5%) e al Centro (+8,4%). L'Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall'Unione europea. I prodotti agroalimentari di qualità riconosciuti al 31 dicembre 2017 sono 295 (4 in piu' sul 2016); tra questi, quelli attivi sono 285 (96,6% del totale). Al 29 ottobre 2018 i riconoscimenti Dop Igp e Stg conseguiti dall'Italia salgono a 299.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sviluppo

    Il paradosso del cibo: triplicano i bambini obesi, ma crescono anche quelli denutriti

  • Ambiente&Clima

    Desertificazione, Corte dei conti accusa: "Grave rischio, ma l'Ue non ha una strategia"

  • Sviluppo

    Manovra, "con intesa Ue-Italia scongiurato stop a 5 miliardi per agricoltura"

  • Sviluppo

    Agricoltura, redditi in calo in tutta Europa

I più letti della settimana

  • Confagricoltura: la peste suina mette a rischio il comparto

  • Copagri: in agricoltura senza redditività non c'è dignità

  • Pesca, braccio di ferro Ue-Italia: "Rischio stop 8 milioni di indennizzi per il fermo 2018"

  • Petizione contro la crudeltà nei macelli, firmano in 120mila

  • L'Ue mette un limite alla quantità di grassi trans negli alimenti

  • "Concimi più rispettosi dell'ambiente". Da Stati Ue ok a nuove norme

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento