Latte e formaggi, un business da 14,5 miliardi

Le imprese del comparto in Italia sono 3.535 e impiegano circa 44mila persone. L'80% della produzione concentrata al Nord

Le imprese industriali del comparto lattiero-caseario sono una fonte di ricchezza per il nostro Paese, impiegano circa 44mila persone e hanno un giro d'affari di 14,5 miliardi di euro. Con 3.535 aziende questo comparto che rappresenta una delle principali realtà dell'agroalimentare italiano, con un'incidenza del 9% sul valore totale della produzione agricola, del 12% sul fatturato dell'industria alimentare e del 9% sull'export alimentare. A fotografare il settore è la società Cribis con Nomisma, precisando che la produzione lattiero-casearia a livello nazionale si concentra per l'80% nel Nord, in particolare in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte, dove sono storicamente presenti alcune tra le più importanti produzioni Dop.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 75% della produzione nazionale riguarda allevamenti di grandi dimensioni, mentre le piccole aziende, poco meno della metà del totale, ne realizzando solo il 5%. Circa il 49% della produzione di formaggi si riferisce a prodotti di denominazione d'origine, con 530mila tonnellate di prodotti. Sul fronte dell'export vola l'Italia dei formaggi, che nel 2017 ha generato un valore di 2,6 miliardi, l'81% realizzate grazie alle produzioni di Lombardia ed Emilia Romagna. I consumi interni, invece, rileva il rapporto, si stanno concentrando sui prodotti biologici, un mercato in forte crescita che, secondo Nomisma, vale complessivamente 3,5 miliardi di euro (tra Dop e a basso contenuto di grassi), a fronte di una riduzione dei consumi di formaggi a pasta dura. Rispetto all'offerta di prodotti lattiero-caseari la parte del leone la fanno le 730 cooperative lattiero-casearie, diffuse prevalentemente in Lombardia ed Emilia Romagna, seguite da Trentino-Alto Adige, Veneto e Sardegna, che generano un giro d'affari di 6,6 miliardi di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un 'carico di virus' dalla Cina bloccato in Italia: "Sventati gravi rischi per le piante"

  • "Trasformiamo il vino in 'amuchina'", l'idea italiana contro il Covid

  • "Coronavirus, basta file inutili e pericolose davanti ai supermercati”

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

  • Coronavirus, ora il grano vale più del petrolio

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento