Gli italiani mangiano sempre meno pane. E i fornai chiedono aiuto a Di Maio

I consumi sono scesi del 40% in un decennio e 3mila imprese hanno chiuso i battenti nello stesso periodo. Pesa la "concorrenza sleale" delle grandi catene di supermercati e la crescita delle importazioni dall'Est Europa

Negli ultimi anni il consumo di pane in Italia è sceso del 40% con un utilizzo pari a 31 chili pro capite l'anno, un livello largamente inferiore rispetto a quello di altri Paesi dell'Ue. È questa la denuncia di Assipan-Confcommercio e Assopanificatori-Fiesa Confesercenti sulla crisi del settore.

Dal 2008 ad oggi - continua la nota - si contano meno di 3.000 imprese della produzione, meno di 1.000 punti vendita e prezzi del pane costantemente al di sotto dell'indice medio di incremento dei prodotti alimentari a fronte di tariffe per le utenze (acqua, luce, gas) che aumentano a due cifre. Ad aggravare la situazione, poi, la concorrenza sleale della grande distribuzione organizzata, che utilizza il pane fresco come prodotto civetta e il fenomeno dell'importazione del pane congelato dall'Est Europa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono, dunque, necessarie e urgenti azioni di sostegno alla rivalutazione del "prodotto pane" nell'alimentazione e di valorizzazione della panificazione. Per questo Assipan-Confcommercio e Assopanificatori-Fiesa Confesercenti chiedono il riconoscimento dello stato di crisi del settore e hanno inviato al ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio un documento che individua in 10 punti i temi da affrontare e risolvere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento