Pasqua, nella Settimana Santa 400 milioni di uova sulle tavole degli italiani

Secondo le stime della Coldiretti verranno spesi oltre 120 milioni di euro nel loro acquisto

Sode per la colazione, dipinte a mano per abbellire le case e le tavole apparecchiate, ma soprattutto impiegate in ricette tradizionali o in prodotti artigianali e industriali saranno circa 400 milioni le uova ''ruspanti'' consumate durante la settimana Santa. È quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che gli Italiani spenderanno oltre 120 milioni di euro nell'acquisto di uova di gallina da consumare direttamente o nella preparazione di primi piatti e dolci, quasi la metà dei 250 milioni spesi dagli italiani per acquistare circa 16 milioni di uova di cioccolato. Un trend che conferma l'andamento positivo del 2018 durante il quale le uova fresche, con un balzo record del 14%, sono quelle che hanno fatto registrare la maggiore crescita degli acquisti aggiudicandosi il titolo di star del carrello alimentare, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea.

A spingere i consumi - sottolinea la Coldiretti - gli ultimi studi secondo i quali le uova sono riconosciute come un alimento sano, equilibrato e ''taglia grassi'' adatto al controllo del peso di individui. Con l'aumento della domanda diventa sempre più importante - continua la Coldiretti - garantire la trasparenza del Made in Italy del prodotto e per il 2019 le risoluzioni approvate dalla commissione Agricoltura della Camera prevedono la timbratura di origine obbligatoria in allevamento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più cari? In Sicilia e Calabria. In Veneto la spesa più economica

  • Acciughe tossiche e integratori con salmonella: i gravi rischi alimentari corsi nel 2018

  • Merende bocciate: troppe calorie per 1 bambino italiano su 2

  • Vongole, tra Spagna e Italia è braccio di ferro. M5s e Lega: "No passi indietro da Ue"

  • La Fao: bisogna difendere la dieta mediterranea dai fast food

  • Gli snack bio e a Km0 conquistano i distributori automatici. Ma il re resta il caffè

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento