Peste suina, agricoltori italiani: "Bene le contromisure della Commissione Ue"

La Coldiretti esprime apprezzamento per le misure di contenimento e prevenzione predisposte da Bruxelles

Le prime misure di contenimento e prevenzione contro il propagarsi della peste suina africana dopo i casi registrati in Belgio vanno nella direzione auspicata. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione delle discussioni tecniche a Bruxelles sullo stato di diffusione della malattia e sull’applicazione delle misure di contenimento nei Paesi coinvolti.

Le procedure ed i controlli messi in atto per evitare l’uscita di suini dalla zona infetta – sottolinea la Coldiretti - devono essere quanto più rigorosi possibile per evitare il propagarsi della malattia, che avrebbe conseguenze molto pesanti per la suinicoltura europea. E’ quindi fondamentale che la Commissione europea e le autorità belghe preposte – precisa la Coldiretti - continuino nelle azioni di controllo e prevenzione delle zone colpite e di quelle limitrofe, per tutelare gli allevamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il Ministero della salute si sta celermente muovendo ed ha organizzato  un incontro sulle prime misure da mettere in atto. In questo contesto risulta prioritario introdurre l’obbligo in etichetta dell’origine su tutti i salumi e prodotti trasformati e togliere il segreto sui flussi commerciali con l’indicazione pubblica delle aziende che importano prodotti, in modo da consentire interventi rapidi e mirati. Va peraltro chiarito che la peste suina africana – conclude la Coldiretti - è una malattia virale contagiosa che colpisce suini e cinghiali, ma, assolutamente, non gli esseri umani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • "Allevamenti intensivi, vulnerabili alle pandemie e colpevoli di crearle"

  • L'agricoltura italiana dipende dagli immigrati, a cui dobbiamo dare diritti

  • "Sfruttamento dei lavoratori e sostanze inquinanti nelle coltivazioni di ananas 'etici e sostenibili'"

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento