Una petizione per salvare l'olio d'oliva europeo dai dazi di Trump

L'iniziativa della North American Olive Oil Association chiede di "non tassare la nostra salute" imponendo balzelli su uno degli alimenti più salutari

Una petizione per chiedere al Dipartimento Usa al commercio estero (Ustr) di escludere l'olio d'oliva europeo dalla lista di prodotti su cui pende la scure dei dazi 'punitivi' voluti dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che la North American Olive Oil Association (Naooa) ha avviato l'iniziativa "Non tassate la nostra salute" che può essere sottoscritta on line, dopo che è stata ufficialmente avviata la procedura per far scattare nuovi dazi Usa, dopo la Cina, anche nei confronti dell'Unione europea per la disputa sull'industria aeronautica con la consultazione pubblica delle parti interessate che dovrà concludersi il 28 maggio secondo quanto pubblicato sul registro Federale dal Dipartimento del Commercio statunitense.

Nella petizione si sottolinea che l'olio d'oliva è uno degli alimenti più salutari tanto che la stessa Food and Drug Administration statunitense (Fda) ha riconosciuto l'olio d'oliva come un alimento benefico per la salute cardiovascolare, ma i suoi benefici vanno ben oltre. Le stesse linee guida dietetiche dell'Usda per gli americani raccomandano la dieta mediterranea, della quale l'olio d'oliva è una componente principale, perché se fosse seguita secondo studi scientifici comporterebbe un risparmio di 20 miliardi dollari in trattamento per molti disturbi oltre alle malattie cardiache, tra cui cancro, diabete e demenza.

Gli Stati Uniti secondo la petizione consumano circa 300.000 tonnellate di olio d'oliva e gli Stati Uniti hanno prodotto solo 10.000 tonnellate nel 2018-19 e quindi un dazio sull'olio d'oliva europeo punirebbe principalmente i consumatori americani che dovranno pagare prezzi più elevati per gli oli d'oliva o passare a grassi meno sani o addirittura malsani, ma meno costosi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Glifosato vietato in Austria. È il primo Paese europeo a dire addio all’erbicida 

  • Gli squali del Mediterraneo sono in estinzione

  • "Prosciutto più nocivo di maionese? Etichetta ingannevole": agricoltori italiani contro il Nutriscore

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Tagliare 300 calorie al giorno fa bene al cuore, anche di chi è in forma

  • Sovrasfruttamento nel mare di Sicilia, “56 pescherecci con reti a strascico in zone protette”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento