L'Italia resta la regina Ue del pomodoro trasformato

Nel mondo solo gli Usa ne producono di più. I dati dell'Anicav, l'associazione nazionale degli industriali delle conserve alimentari vegetali, presentati in occasione del 'Tomato Day' a Parma

Anche nel 2019, nonostante le difficoltà create dal clima, l'Italia sarà la regina europea nella produzione di prodotti a base di pomodoro. Nel mondo, solo gli Stati Uniti vantano una produzione maggiore. La stima è dell'Anicav, l'associazione nazionale degli industriali delle conserve alimentari vegetali, presentati in occasione del 'Tomato Day' a Parma.

Secondo i dati dell'Anocav, nel 2019 l'Italia ha prodotto 4,8 milioni di tonnellate di pomodoro trasformato per un fatturato totale di oltre 3,3 miliardi di euro.  A fronte di 64.500 ettari messi a coltura, il Belpaese rappresenta il 13% della produzione mondiale e la metà del trasformato europeo, con una crescita delle esportazioni nel primo semestre del 6% in volume e del 9% in valore. Circa il 60% delle produzioni, fa sapere l'Anicav, è destinato al mercato estero, con un valore di 1,7 miliardi di euro.

Mantenere il primato europeo non è stato facile: "Per le aziende di trasformazione - dichiara il presidente di Anicav, Antonio Ferraioli - la campagna è iniziata con un ritardo di oltre una settimana rispetto agli anni scorsi, a causa delle cattive condizioni climatiche di maggio e di luglio che hanno posticipato trapianti e raccolta, andando ad incidere sulle rese agricole e industriali e facendo lievitare notevolmente i costi aziendali", conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento