Pratiche sleali, La Via: "Testo migliore grazie al Parlamento Ue"

L'eurodeputato di FI plaude all'intesa tra le istituzioni europee che ha consentito il via libera a un pacchetto di misure volte a evitare abusi nella filiera agroalimentare

L'eurodeputato Giovanni La Via

“L’accordo raggiunto tra il Parlamento, il Consiglio e la Commissione europea, in attesa di arrivare a piena attuazione con il voto formale in Parlamento e in Consiglio, è una vera conquista sul campo dei diritti degli agricoltori che adesso potranno avvalersi di strumenti reali ed efficaci contro le pratiche commerciali sleali lungo la filiera”. Lo dice l’eurodeputato di FI Giovanni La Via plaudendo alle misure concordate che “finalmente riconoscono le condizioni di svantaggio rispetto al sistema della gdo”.  

L’aumento della soglia del fatturato, dai 50 ai 350 milioni, entro la quale le imprese agroalimentari godranno di effettiva tutela, con la possibilità per gli Stati membri di innalzarla, è, dice La Via, “un passaggio forte, una presa di posizione e di coscienza che vuole arginare un fenomeno purtroppo largamente diffuso, con gravi danni economici e morali per chi li subisce. I rapporti commerciali tra fornitori e acquirenti - aggiunge -dovranno essere scritti con la possibilità di denunciare eventuali anomalie. Il raggio d’azione degli effetti del negoziato è stato ampliato in maniera esponenziale anche oltre i confini europei, nel caso in cui gli acquirenti risiedano in paesi terzi, così da evitare triangolazioni di centrali distributive che hanno sede legale in Stati extra-Uee.

Ancora, tra le pratiche vietate dalle nuove regole: la cancellazione last minute degli ordini, i ritardi nei pagamenti ai fornitori, e le modifiche unilaterali o retroattive dei contratti, la pubblicità sleale. "Il Parlamento europeo - continua La Via - sotto la guida del relatore, il collega Paolo De Castro, ha raggiunto un risultato importantissimo, definendo misure concrete e armonizzate per mettere fine all’evidente squilibrio commerciale oggi esistente lungo la filiera alimentare e garantire un equo trattamento alle imprese. Era necessario stabilire regole e procedure in grado di garantire una catena di approvvigionamento alimentare più equa, e il Parlamento ha migliorato notevolmente la proposta originaria della Commissione, rendendola più efficace, eliminando gli ostacoli per le imprese e tutelando i consumatori, che potranno avere più fiducia nel mercato interno".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue triplica l'import di carne Usa (senza ormoni)

  • "Lo zucchero in Europa è sempre più amaro". E salato

  • Bambini sfruttati dietro il cibo che mangiamo. Anche in Italia

  • Le mele italiane conquistano l'India (anche grazie a Trump)

  • Sempre più surgelati nei piatti degli chef

  • Falsi agricoltori nei terreni dell'Ilva, così sono scomparsi 80 milioni di fondi Ue

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento