Polemiche e Brexit non fermano il prosecco: boom di vendite nel Regno Unito

Nei primi mesi del 2019, le vendite oltre la Manica sono aumentate del 18%. Il timore adesso è che un'uscita del Paese dall'Ue senza accordo possa arrestare il trend. E favorire le imitazioni

Il prosecco piace sempre di più ai britannici. Un amore che potrebbe venire messo a rischio, pero', da una hard Brexit. E' quanto sostiene la Coldiretti, che ha analizzato i dati sull'export di prodotti agroalimentari italiani nel Regno Unito nel primo bimestre del 2019. Scoprendo che le vendite del prosecco sono aumentate del 18%. Un vero e proprio boom. 

"Non sono mai state stappate cosi tante bottiglie di prosecco nella patria dei Windsor - dice Coldiretti - Un recordo storico con quasi una bottiglia esportata su tre (35%) che è stata consumata dagli inglesi. Il prodotto simbolo del made in Italy in Gran Bretagna ora sfida la birra nelle preferenze dei britannici".

Dati che pero' contrastano con le paure di una Brexit senza accordo con l'Ue, che potrebbe portare a pesanti dazi sull'export dell'Italia. "Il vino italiano – continia la Coldiretti - complessivamente ha fatturato sul mercato inglese quasi 827 milioni di euro nel 2018, spinto dal boom del prosecco Dop con 348 milioni di euro.  Senza accordo, un grave problema riguarda la tutela giuridica dei prodotti a denominazione di origine che senza protezione europea rischiano di subire la concorrenza sleale dei prodotti di imitazione anche da paesi extracomunitari. Non vanno infatti dimenticati – continua la Coldiretti - i casi, smascherati in passato, della vendita di falso prosecco alla spina o in lattina fino al Barolo e al Valpolicella in polvere dei wine kit venduti in Gran Bretagna".

Il rischio reale è "che la Gran Bretagna diventi un porto franco del falso made in Italy", conclude l'organizzazione, ricordando che nella classifica dei vini italiani più taroccati al mondo ci sono proprio i falsi prosecco, dal Meer-secco al Kressecco, passando per Semisecco, il Consecco, il Whitesecco e il Crisecco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vongole, tra Spagna e Italia è braccio di ferro. M5s e Lega: "No passi indietro da Ue"

  • I supermercati più cari? In Sicilia e Calabria. In Veneto la spesa più economica

  • Acciughe tossiche e integratori con salmonella: i gravi rischi alimentari corsi nel 2018

  • Merende bocciate: troppe calorie per 1 bambino italiano su 2

  • Ceta, agricoltori italiani divisi: "Fallimento per export alimenti", "Un successo"

  • La Fao: bisogna difendere la dieta mediterranea dai fast food

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento