Etichette a semaforo, lo stop delle multinazionali. Confagricoltura: "Ora schema valido in tutta Ue"

L’organizzazione degli imprenditori agricoli valuta positivamente la rinuncia dei big del settore alle controverse etichettature per i prodotti alimentari

“Una buona notizia per i consumatori e per gli agricoltori”. Così il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, ha commentato la rinuncia, annunciata oggi dalle multinazionali del settore alimentare, a lanciare un proprio sistema di etichetta nutrizionale a semaforo.

“E’ soprattutto positivo – ha proseguito Giansanti – il richiamo alla necessità di avere uno schema valido per tutta l’Unione europea. E’ la proposta che abbiamo avanzato da tempo e sulla quale siamo pronti al confronto e alla collaborazione con le associazioni dei consumatori”.

Confagricoltura ricorda di aver sempre contestato le iniziative assunte in materia dalle autorità di alcuni Stati membri che non forniscono una completa informazione ai consumatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Solo un sistema validato a livello europeo - ha concluso Giansanti - basato sulle evidenze scientifiche può guidare le scelte consapevoli dei consumatori verso una dieta equilibrata e salutare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • Braccianti stranieri, Lega contro il Pd. Ma l’ultimo decreto flussi l’ha firmato Salvini

  • L'appello dei braccianti immigrati: “Raccogliamo il vostro cibo ma abbiamo fame”

  • "Porte aperte a 80mila migranti", la Germania sblocca l'impasse Ue sugli stagionali

  • Covid-19 'colpisce' anche uova e colombe pasquali, crollo dei ricavi delle aziende dolciarie

  • Coronavirus, per i Paesi africani la carenza di cibo potrebbe essere peggio della pandemia

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento