Agricoltori Ue: etichetta sull'origine degli alimenti è una sfida, ma non freni il mercato unico

Il segretario del Copa Cogeca: “Più il prodotto è trasformato e più è complicata. Non dimentichiamo che gli standard comunitari sono uguali in tutti i Paesi membri”

L'etichettatura di origine degli alimenti è importante per associrare ai consumatori la trasparenza necessaria a fare scelte alimentari ponderate. Ma un eccesso di reole può essere un freno al buon funzionamento del mercato unico, quindi si deve lavoare a trovare il giusto bilanciamento. Ne è convinto il segretario generale del Copa e della Cogeca Pekka Pesonen secondo cui quella dell'etichettatura "è una sfida”, e “noi vorremmo più trasparenza possibile”, ha assicurato, “ma dobbiamo stare attenti a non pregiudicare il funzionamento del mercato interno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rispondendo all'Ansa a margine della presentazione del manifesto degli agricoltori Ue per la prossima legislatura il finlandese Pesonen ha spiegato: "A noi interessa indicare il luogo di provenienza della materia prima e più il prodotto è trasformato più l'etichetta di origine è complicata, ma la direzione è quella di dare ai consumatori il massimo di informazioni possibili perché non abbiamo nulla da nascondere”. “È importante non creare equivoci sulla salubrità dagli alimenti, come se alcuni prodotti fossero più sani perché vengono da un certo luogo: gli standard di sicurezza sono gli stessi in tutta Europa", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • Il Covid-19 fa dimenticare l'altra grande pandemia mondiale: la peste suina

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento