Gli Usa diventano il primo fornitore di semi di soia dell’Europa

L'aumento delle importazioni fa parte dell'accordo tra Juncker e Trump per porre fine alla guerra commerciale lanciata da Washington

Foto Ansa EPA/MICHAEL REYNOLDS

La Commissione europea e’ determinta a mantenere la pace commerciale con gli Stati Uniti e quindi rispettera’ gli impegni presi con Washington. Bruxelles ha pubblicato oggi gli ultimi dati, da cui emerge che gli Stati Uniti sono divenuti il principale fornitore di soia dell'Europa, con una quota di mercato del 52% rispetto al 25% dello scorso anno nello stesso periodo. Questo aumento era parte dell’accordo raggiunto a fine luglio tra Jean-Claude Juncker e il presidente americano, Donald Trump, per evitare l'imposizione di dazi Usa al settore automobilistico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Stiamo tenendo fede all'impegno assunto dai presidenti Juncker e Trump di intensificare gli scambi, in particolare per quanto riguarda i semi di soia", ha detto il commissario all'Agricoltura, Phil Hogan. "Questo rispecchia sia la longevita' dei nostri rapporti commerciali che la possibilita' di raggiungere traguardi piu' ambiziosi lavorando insieme per rafforzare questi rapporti". Tuttavia, secondo alcuni analisti, il forte aumento delle esportazioni verso l'Europa e' dovuto soprattutto al forte calo del prezzo della soia Usa, causato dalle contromisure adottate dalla Cina in risposta ai dazi imposti da Trump sulle esportazioni cinesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento