In Italia, il 2% del cibo sprecato prima di essere venduto

A rilevarlo è la Fondazione Barilla Center for Food e Nutrition. Ogni anno, gettiamo nell'immondizia 20 milioni di tonnellate di alimenti

In Italia lo spreco alimentare che si genera prima della vendita corrisponde al 2% del cibo prodotto (percentuale in linea con quelle della maggior parte dei paesi in Ue): ben 65 Kg di cibo l'anno pro capite. A rilevarlo è la Fondazione Barilla Center for Food e Nutrition, in vista della Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare del 5 febbraio.

Il nostro Paese, però, si distingue anche nella lotta alle perdite alimentari. Anche grazie alla legge Gadda si è riusciti a limitare gli sprechi, promuovendo la redistribuzione delle eccedenze e dei beni inutilizzati per fini di solidarietà sociale, con un aumento delle donazioni del 21% nel primo anno della legge. Rimane ancora molto da fare nella lotta allo spreco, visto che buttiamo circa 20 milioni di tonnellate di cibo ogni anno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • Troppo caldo, la raccolta delle mele parte in anticipo (e in ribasso)

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

  • "Un piano per l'agroindustria italiana per creare 100mila posti di lavoro"

  • Ferragosto, un successo per gli agriturismi italiani “+7% rispetto al 2018”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento