Sempre più surgelati nei piatti degli chef

Nel 2018 sono state vendute circa 315mila tonnellate di prodotti congelati nelle cucine dei ristoranti, il 3% in più rispetto al 2017. "Sicurezza alimentare, alta qualità e soprattutto lotta contro lo spreco" sono le motivazioni di questa crescita, secondo la lobby del settore

Catering e ristoranti fanno sempre più uso di surgelati, in particolare dei ricettati, ossia di quei prodotti alimentari come i contorni di verdure già 'cucinati' e congelati. E' quanto emerge Rapporto annuale sui Consumi dei prodotti surgelati in Italia

Secondo il report, relativo al 2018, se è vero che vi è stato un arresto nella crescita del comparto rispetto agli anni precedenti, d'altra parte il calo è stato leggero (-0,3%) rispetto al decremento che ha registrato l'intero settore agroalimentare (-1,3%). A favorire questa stabilizzazione nelle vendite dei surgelati è stata proprio la crescita dei ricettati, in particolare nel catering (+3,8%).  

Secondo il presidente dell'Istituto italiano alimenti surgelati, Vittorio Garavaglia, questo è un segnale di come la ristorazione stia diventando sempre più importante per questo mercato. "Il prodotto surgelato venduto a casa ha avuto un decremento dell'1,5%, di converso il prodotto fuori casa è aumentato dell'1,6% e i dati di fatturato del fuori casa in generale sono +4,5% - spiega Garavaglia - C'è un cambiamento del sociale italiano che ha come risvolto il successo del fuori casa che rappresenta circa il 37% in Italia, nei surgelati il 34%. Io ricordo che nel surgelato tedesco o inglese il rapporto è uno a uno, noi ci stiamo europeizzando come modello di vita e probabilmente anche da noi questa cifra tenderà ad aumentare".

Quelle 315mila tonnellate di prodotti surgelati utilizzate nel 2018 nelle cucine dei ristoranti, il 3% in più sul 2017, "raccontano il bisogno di risparmio in termini di tempo e costi, di prodotti sicuri e qualitativamente stabili nel tempo, di riduzione degli sprechi che hanno gli chef quando lavorano, scrive Askanews.

"Quando si vuole destagionalizzare i prodotti, quando si deve dare sicurezza alimentare, alta qualità e soprattutto lotta contro lo spreco, il surgelato gioca un ruolo importantissimo - conferma Garavaglia - Il ristoratore lo ha recepito, e sa che il consumatore lo usa a casa e lo dichiara perchè in Italia è obbligatorio dichiarare con un asterisco la presenza di prodotto congelato o surgelato".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

  • Ritorno dalla ferie: il vademecum per evitare rischi in frigo

  • "Un piano per l'agroindustria italiana per creare 100mila posti di lavoro"

  • Ferragosto, un successo per gli agriturismi italiani “+7% rispetto al 2018”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento