Agrikids, premiata "La tecnoagricoltura della Sardegna"

Gli alunni della classe 4B della scuola elementare "Sacro Cuore" di Alghero hanno vinto il primo premio al concorso "Il Futuro del cibo è nell’Agricoltura", svolto in collaborazione con il Mipaaft e cofinanziato anche dall’Unione europea

La classe 4B della scuola elementare "Sacro Cuore" di Alghero

L'entusiasmo è chiaramente percepibile nello sguardo di tutti gli alunni della classe 4B della scuola elementare "Sacro Cuore" di Alghero. Hanno vinto il primo premio al concorso aperto a tutte le scuole primarie italiane, denominato "Il Futuro del cibo è nell’Agricoltura", svolto in collaborazione con il Mipaaft e cofinanziato anche dall’Unione europea: per la classe 3mila euro in buoni acquisto utilizzabili per l’acquisto di materiale didattico, per gite scolastiche e attività formative in generale, ma anche una serra idroponica indoor (l'idroponica è la coltivazione delle piante fuori suolo, ovvero senza terra e grazie all’acqua) che ha attirato l'interesse di tutti i presenti.

Il disegno dei bambini, grazie al quale hanno vinto il premio, contiene una serie di spunti sorprendenti e stimolanti: si intitola "La tecnoagricoltura della Sardegna". Dalla possibilità di utilizzare droni in agricoltura all'attenzione per l'ambiente, dal trattore che utilizza i pannelli solari invece che tradizionali carburanti, per arrivare all'utilizzo delle informazioni meteorologiche a livello scientifico, un interessante mix di idee e visioni che in un futuro nemmeno troppo lontano potrebbero - chissà - diventare realtà.

Il progetto vincente della 4B della scuola di Alghero

Classe 4B Sacro Cuore di Alghero (8)-2

L’obiettivo del concorso è quello di sensibilizzare gli alunni delle scuole primarie italiane sui temi legati all’agricoltura e alla sostenibilità: obiettivo centrato in pieno in questo caso. Gli alunni, accompagnati in questo percorso di formazione, ideazione e creatività dalle maestre Adriana Floris, Alessandra Sanna e Filomena Pompilio (e dalla dirigente scolastica Antonella Marruncheddu), hanno figurativamente trasmesso un'idea di attenzione alle tematiche ambientali che non può che andare di pari passo con le nuove scoperte tecnologiche.

Tra i gadget donati alla classe anche le prime matite al mondo in grado di diventare delle piante: all’estremità hanno una capsula biodegradabile contenente dei semi che germinano a contatto con l’acqua. Quando la matita diventa troppo corta per essere utilizzata, viene piantata in un vaso e in poche settimane nasceranno i primi germogli. 

Classe 4B Sacro Cuore di Alghero (3)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento