I giovani agricoltori europei chiedono di raddoppiare gli aiuti nella Pac

Il Ceja: “Fondamentale mostrare più ambizione o l'obiettivo di rinnovamento generazionale non sarà raggiunto”

Se si vuole un ricambio generazionale nell'agricoltura e che i giovani tornino a coltivare la terra l'Europa deve aiutarli raddoppiando gli aiuti Pac per gli agricoltori giovani. Lo chiede il Ceja, il Consiglio giovani agricoltori europei, agli eurodeputati che stanno esaminando i regolamenti della futura politica agricola comune.

"Pur apprezzando il sostegno ai giovani agricoltori espresso da tutti è fondamentale mostrare più ambizione o l'obiettivo di rinnovamento generazionale nella futura Pac non sarà raggiunto”, ha dichiarato il segretario dell'organizzazione Jannes Maes secondo cui “i deputati hanno la responsabilità di aiutare i giovani a costruire il loro futuro in agricoltura. Ricevere un reddito decente è fondamentale perché ciò avvenga".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La proposta di riforma della Politica agricola comune della Commissione europea prevede che il 2% dell'ammontare degli aiuti diretti sia destinato a giovani agricoltori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento