I giovani agricoltori europei chiedono di raddoppiare gli aiuti nella Pac

Il Ceja: “Fondamentale mostrare più ambizione o l'obiettivo di rinnovamento generazionale non sarà raggiunto”

Se si vuole un ricambio generazionale nell'agricoltura e che i giovani tornino a coltivare la terra l'Europa deve aiutarli raddoppiando gli aiuti Pac per gli agricoltori giovani. Lo chiede il Ceja, il Consiglio giovani agricoltori europei, agli eurodeputati che stanno esaminando i regolamenti della futura politica agricola comune.

"Pur apprezzando il sostegno ai giovani agricoltori espresso da tutti è fondamentale mostrare più ambizione o l'obiettivo di rinnovamento generazionale nella futura Pac non sarà raggiunto”, ha dichiarato il segretario dell'organizzazione Jannes Maes secondo cui “i deputati hanno la responsabilità di aiutare i giovani a costruire il loro futuro in agricoltura. Ricevere un reddito decente è fondamentale perché ciò avvenga".

La proposta di riforma della Politica agricola comune della Commissione europea prevede che il 2% dell'ammontare degli aiuti diretti sia destinato a giovani agricoltori.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Glifosato vietato in Austria. È il primo Paese europeo a dire addio all’erbicida 

  • Gli squali del Mediterraneo sono in estinzione

  • "Prosciutto più nocivo di maionese? Etichetta ingannevole": agricoltori italiani contro il Nutriscore

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Tagliare 300 calorie al giorno fa bene al cuore, anche di chi è in forma

  • Sovrasfruttamento nel mare di Sicilia, “56 pescherecci con reti a strascico in zone protette”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento