Ceja: "Bene iniziativa Bei-Commissione per migliorare l'accesso al credito per i giovani agricoltori"

Per l'organizzazione europea la difficoltà ad accedere ai prestiti delle banche è una delle tre maggiori sfide per il settore

Il Ceja, l'organizzazione europea dei giovani agricoltori, accoglie con favore l'iniziativa congiunta della Bei, la Banca europea per gli investimenti, e della Commissione europea volta a migliorare l'accesso al credito per le imprese del settore.

L'iniziativa mette a disposizione un pacchetto di prestiti da circa 1 miliardo di euro composto da un fondo da 700 milioni per le piccole e medie imprese nelle catene del valore dell'agricoltura e della bioeconomia, di cui almeno il 10% sarà destinato ai giovani agricoltori; e due prestiti pilota per un valore di 275 milioni di euro destinati ai giovani agricoltori e alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

"Il Commissario Hogan e il suo team - dice il presidente del Ceja Jannes Maes - hanno dimostrato il loro impegno per il futuro del settore agricolo dando risposta a una delle tre maggiori sfide per i giovani agricoltori di tutta Europa: l'accesso al credito. Il Ceja sostiene da tempo la necessità di strumenti migliori per affrontare questa sfida. L'iniziativa è promettente e fornirà un supporto vitale ai giovani che vogliono entrare o rimanere nel settore".

Nell'ambito dell'iniziativa saranno inoltre ottimizzati gli strumenti finanziari del Feasr per i giovani agricoltori e sarà rafforzato il sostegno consultivo fornito dalla Bei alle autorità di gestione. Il Ceja esorta gli Stati membri dell'Ue a includere gli strumenti dell'iniziativa nella formulazione dei loro piani strategici per la futura Pac.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento